Manlio Mattaccini
No Comments

Pagelle Napoli-Genoa 2-1: Higuain al di sopra di ogni sospetto, Iagol non porta punti

Il bomber argentino è assoluto protagonista, nonostante le due reti non limpidissime: Iago ancora a segno, ma non porta punti a Gasp che non vince dal 7 dicembre

Pagelle Napoli-Genoa 2-1: Higuain al di sopra di ogni sospetto, Iagol non porta punti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tre punti, prima di tutto. Anzi, al di là di tutto. Come in un machiavellico “il fine” giustifica i mezzi, per il Napoli contava davvero solo vincere. E pazienza se l’episodio chiave è stato un rigore regalo: issarsi al terzo posto in solitaria, con tanto di lieve margine sulle altre, fa respirare e non poco i polmoni del sempre sudato Benitez. Al termine di una settimana dove le polemiche post Coppa Italia erano puntualmente andate in scena. Il tecnico spagnolo tuttavia non può ignorare i campanelli d’allarme che arrivano dal campo: la squadra stenta a chiudere la partita, e concede troppo agli avversari. Per il Genoa dello sconsolato Gasperini continua invece il momento no, anche se più per i risultati che non per il gioco. La vittoria latita dal 7 dicembre, e l’assenza di un centravanti vero lì davanti inizia a pesare, anche se l’apporto realizzativo dei rossoblù è sempre costante. Iago Falque, quarto gol nelle ultime cinque gare: il suo contributo non ha portato nessuna vittoria. Lanciando una provocazione, che sia questo il problema del Grifone?

NAPOLI, LE PAGELLE

RAFAEL: 6,5 – Molto attento, sempre pronto alle conclusioni a rete degli avversari. Incolpevole sul gol

MAGGIO: 6 – Da terzino di spinta a terzino di copertura: deve ritrovare la sua vera vocazione, le sue “folate” servono agli azzurri

ALBIOL: 6,5 – Buona partita senza sbavature, non soffre particolarmente la velocità dell’attacco genoano

KOULIBALY: 6 – Solita fisicità, ma non reattivo nel contrastare Iago al momento del gol del pareggio; ammonito, salterà il Chievo

STRINIC:  6,5 – Ben oltre la sufficienza, a conferma della bontà con cui si è approcciato al nostro Campionato (86′ BRITOS, S.V.)

DAVID LOPEZ: 6,5 – E’ lui a reggere il centrocampo: argina bene, e tenta addirittura il gol

INLER: 6 – Paga un pò il rientro da titolare: qualche sbavatura, ma si riprenderà

DE GUZMAN: 5,5 – Troppo lezioso: fallisce due gol praticamente già fatti. Questi errori, a prescindere dall’aiutino o meno, spesso si pagano (71′ GABBIADINI: 6 – Un paio di palloni in mezzo, ma niente più. Inutile dire che per poterlo giudicare bene bisogna vederlo in campo dall’inizio)

HAMSIK: 6,5 – Tanti bei palloni e tanti assist non sfruttati dai compagni: il gol non arriva, ma potrebbe andare anche bene così

CALLEJON: 6,5 – Vivacità a profusione: colpisce una traversa, ma la doppia cifra in Campionato arriverà presto

HIGUAIN: 7 – Meriterebbe anche di più, ma i due gol realizzati sono inevitabilmente frutto di due decisioni arbitrali non corrette. El Pipita sembra essere reinserito di nuovo nel Napoli: sa bene che per raggiungere gli obiettivi sotto il Vesuvio, prima ancora a pensare cosa possa fare la società per lui, deve sapere cosa deve fare lui per Napoli (90′ ZAPATA S.V.)

GENOA, LE PAGELLE

PERIN: 6 – Uno dei rari errori della sua stagione: lo perdoniamo, anche perchè durante il resto della partita è attento

DE MAIO: 6 – Argina come può uno scatenato Callejon, riuscendoci talvolta(79′ LESTIENNE S.V.)

RONCAGLIA: 5,5 – Ha davanti sè il connazionale Gonzalo: ci prova anche con le cattive, ma inevitabilmente subisce

BURDISSO: 6 – Salva un gol già fatto: sacrificio inutile, ma lotta sempre come un leone

ANTONELLI: 6 – Non sempre abile a coprire, ma quando si propone lo fa sempre in maniera positiva

RINCON: 5,5 – Una partita tutt’altro che indimenticabile, lascia il posto a Kucka ma nessuno sembra essersene accorto (68′ KUCKA: 5 – Non imprime una svolta a centrocampo, e suo malgrado è protagonista nel fallo incriminato della gara)

BERTOLACCI: 6 – Il più vivace del suo reparto, corre fin troppo e paga in lucidità

EDENILSON: 6 – Partita di lotta e sacrificio, fa a sportellate sulla fascia, meritava con i suoi compagni almeno un punticino

Gian Piero Gasperini, tecnico del Genoa

Gian Piero Gasperini, tecnico del Genoa

PEROTTI: 5,5 – Poco incisivo, quasi invisibile: era comunque al rientro e al San Paolo, gli vengono riconosciute le attenuanti generiche

FETFATZIDIS: 5,5  – Dopo la doppietta al Sassuolo, un calo inaspettato. Doveva puntare più sulla velocità per superare la difesa partenopea (53′ NIANG: 6 – Lui si veloce, ma ciò non è bastato a impensierire particolarmente Rafael)

IAGO FALQUE:  6,5 – Ancora a segno, ma i suoi gol sembrano quasi un preludio alla beffa: la vittoria non arriva mai. Al di là della cabala, un giocatore al momento indispensabile per Gasp

Manlio Mattaccini

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *