Simone Viscardi
No Comments

Pagelle Inter-Torino 0-1: incubo Mancini, granata ubriachi di Moretti

L'Inter cade in casa al termine di una partita noiosa. Decide il centrale granata, che regala il successo al Torino ad una manciata di secondi dalla fine

Pagelle Inter-Torino 0-1: incubo Mancini, granata ubriachi di Moretti
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Colpo mancino del Torino in casa dell’Inter, all’ultimo istante di una partita già incanalata verso uno stiracchiato 0 a 0. Come una settimana fa contro l’Empoli, i nerazzurri di Roberto Mancini si dimostrano incapaci di creare una singola, vera occasione da gol. A fare la differenza, a una manciata di secondi dal termine, è Emiliano Moretti, abile a sfruttare una deviazione di Maxi Lopez da calcio d’angolo, incornando alle spalle di Handanovic la beffa della domenica. Ecco i voti dei protagonisti:

INTER

HANDANOVIC voto 6 – Ordinaria amministrazione per oltre 90 minuti, durante i quali il Toro lo impegna sporadicamente e senza costringerlo a interventi super. Non può fare nulla sul colpo di testa di Moretti, imprecazioni a parte – INFILATO

D’AMBROSIO voto 6 – Per spingere spinge, ma i suoi traversoni raramente diventano manna per la batteria offensiva nerazzurra. Dietro chiude abbastanza bene sulle folate di Molinaro. I muscoli lo tradiscono ad inizio ripresa – CRACK (dal 55′ SHAQIRI voto 5,5 – Piccolo passo indietro dopo il debutto-show di mercoledì. Ci mette agonismo, ma senza la giusta dose di lucidità – CONFUSIONARIO)

VIDIC voto 6,5 – In netta crescita. Stoppa ogni velleità torinista con classe ed eleganza, sbrogliando qualche matassa ingarbugliata. Di testa sono quasi tutte sue. Quasi, appunto – TORRE

Vidic tra i migliori nell'Inter di oggi.

Vidic tra i migliori nell’Inter di oggi

ANDREOLLI voto 6 – Tiene a bada l’esuberanza di Martinez, con un occhio sempre puntato su Quagliarella. Si fa male sul finire della prima frazione, primo scricchiolio del nefasto pomeriggio interista – INTERROTTO (dal 43′ RANOCCHIA voto 6 – Nulla di trascendentale, ma riesce a non combinare danni pur entrando da freddo – COMPITO)

OBI voto 5 – No, decisamente non è un terzino. Cerca di proporsi offensivamente, ma al di là della faccia tosta e della facilità di corsa, il nigeriano ha ben poche frecce al suo arco – PESSIMO

KUZMANOVIC voto 5 – AAA cercasi regista di centrocampo. Tra i piedi del serbo girano un’infinità di palloni, ma i suoi passaggi sono sempre piatti, e i suoi lanci raramente sbilanciano i granata. Tanta volontà condita da poco, pochissimo talento – LIMITATO

GUARIN voto 6,5 – Sempre nel vivo, sempre attento in chiusura, una buona prestazione impreziosita dalla fascia da capitano. Nel finale stringe i denti, dimostrando un attaccamento alla maglia tutt’altro che scontato – CUORE

KOVACIC voto 5 – Timido, nascosto, sempre lontano dal vivo della manovra, controllato a vista da Gazzi. Il croato stecca decisamente, dimostrando una ancora scarsa maturità nel prendere per mano la squadra – ARRETRATO

PODOLSKI voto 6 – Sembra sempre troppo lontano dalla porta, anche se poi, andando a vedere, gli unici due tiri verso lo specchio di Padelli portano la sua firma. Esce per ridare equilibrio alla squadra, una mossa non azzeccatissima – PUNGENTE (dal 65′ DONKOR voto 6 – Non avrà i piedi da predestinato, ma la voglia è quella giusta. Corre e si rende utile, scatta e prova a fare male al Torino – DEBUTTANTE)

PALACIO voto 5,5 – Corre, si smarca, ma troppo spesso è preda del fuorigioco avversario. Un paio di accelerazioni e poco altro, con la sensazione che questa non sia più la “sua” Inter – SLEGATO

ICARDI voto 6 – Si muove incessantemente sul fronte d’attacco, anche se Glik è un’ombra molto difficile da seminare. Più in partita di altre occasioni, ma senza i suoi gol è dura, molto dura – PEDINATO

All. MANCINI voto 5 – Ahi ahi Mancio, altro Ko, e la media punti è impietosa. Andava meglio con Mazzarri, e senza mai tirare in porta difficilmente le cose miglioreranno – ABULICO

TORINO

PADELLI voto 6 – Non sembra mai sicurissimo, anche se poi per sua fortuna l’Inter difficilmente punge. Qualche uscita a vuoto, ma oggi era la giornata giusta per permettersele – GRAZIATO

MAKSIMOVIC voto 6,5 – Abile nel tappare ogni buco sul centrodestra, caparbio nel tentare qualche sortita offensiva all’arma bianca. Giocatore a tutto campo – COMPLETO

GLIK voto 6,5 – Sua altezza aerea, spazza l’area con estrema padronanza dei mezzi. Costringe Icardi a girare al largo, mettendo un deciso divieto d’accesso all’area granata – CAPITANO

MORETTI voto 6 – Partita normale, almeno fino all’ultimo istante, quando spinge in rete il pallone che manda in giubilo il popolo torinista, e nella disperazione i padroni di casa –KILLER

DARMIAN voto 5,5 – Più pasticcione del solito, anche se Obi gli regala spesso delle praterie dove correre in libertà. Dietro soffre Palacio, ma non capitola del tutto – ARRANCANTE

BENASSI voto 7 – Splendido per costanza di rendimento e intensità. Si propone con continuità, da vero uomo in più dell’attacco ospite. Scelta azzeccata di Ventura, il ragazzo cresce che è un piacere – INCURSORE

GAZZI voto 6,5 – Si incolla a Kovacic, impedendo al croato di essere vivo nel match, anche se ciò poi lo esclude dalle manovre d’attacco dei suoi – SACRIFICATO

FARNERUD voto 5,5 – Parte bene, anche se poi finisce col calare alla distanza. Manca della scintilla per essere decisivo, anche se le occasioni ci sarebbero – IMPRECISO (dal 67′ EL KADDOURI voto 6 – Maggior contributo tecnico rispetto allo svedese, alza il baricentro del Toro nel finale – PRESENTE)

MOLINARO voto 6 – Tanto bravo nello spezzare il gioco dell’Inter, altrettanto puntuale nel regalare nuovamente palla ai nerazzurri. Con degli altri piedi sarebbe stato uno dei più forti terzini della sua generazione – STORTO

MARTINEZ voto 5 – Con la sua rapidità dovrebbe mettere in seria difficoltà i colossi difensivi di Mancini, invece viene facilmente controllato da un Vidic formato-United – ANNULLATO ( dal 57′ MAXI LOPEZ voto 6 – Media tra il 7 che meriterebbe per la sponda decisiva sul gol di Moretti e il 5 del gesto evitabilissimo del finale – DECISIVO)

QUAGLIARELLA voto 6 – Prova a tenere alta la squadra, ma è mal supportato dal compagno di reparto. Cresce con l’ingresso di Maxi Lopez – RISOLLEVATO

All. VENTURA voto 6 – Catenaccio per novanta minuti, sperando di sfangarla. A volte va bene, come oggi, altre volte male. Rimane da capire dove sia finito il tecnico dal gioco spumeggiante ammirato sia a Torino che a Bari – RITIRATA

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *