Orazio Rotunno
No Comments

Calciomercato Inter, Murillo-Brozovic reali: mania Yaya Tourè

Mercato folle dei neroazzurri che, fra un sogno e l'altro, programmano il futuro con due nuovi colpi classe '92: Mancini, intanto, tenta la pazzia

Calciomercato Inter, Murillo-Brozovic reali: mania Yaya Tourè
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

I sogni son’desideri, ma nel calcio più che mai occorre essere realisti. Ecco perchè gli acquisti di Murillo e Brozovic devono far più rumore delle voci di Yaya Tourè o Lavezzi, costosi e “vecchi”, ma con un appeal tremendamente forte da far passare in secondo piano i due classe ’92 ormai acquistati dai neroazzurri. La follia che l’Inter ha in mente per l’ivoriano parte dal desiderio di Mancini di riabbracciare quello che ai tempi del City definiva” il miglior giocatore del mondo” dopo Messi e Rolando. Poco appariscente, ma un uomo che da solo con la sua fisicità, completezza e senso del gol, sarebbe capace di alzare da solo il livello medio di una squadra come l’Inter e portarla quasi ai vertici.

Quanto costa uno simile? Tanto, troppo ovviamente, soprattutto per l’Inter: contratto in scadenza nel 2017, non imminente quindi, a 7 milioni di euro l’anno, con un cartellino che nonostante i quasi 32 anni non scende sotto i 7-8 milioni di euro. Ad oggi non vi è nulla, se non un viaggio di Auslio a Londra in cui avrebbe testato la volontà di Yaya Tourè di provare una nuova esperienza dopo tanti anni al City, magari riabbracciando proprio il suo ex tecnico che, ovviamente, farebbe carte false pur di riaverlo in squadra. Il City lo cederà difficilmente se non a fronte di una richiesta ufficiale del centrocampista: l’Inter non potrà offrirli più di 3 milioni annui, massimo 4 compresi bonus fino al 2018 con opzione per un’ulteriore stagione. Discorso similare per Lavezzi, ormai in rottura con Blanc, ma che rischia di lasciare il Psg sin da gennaio: in tal caso sarebbe impossibile per l’Inter anticipare la concorrenza, visti gli arrivi già di Podolski e Shaqiri nel ruolo, oltre quello di Brozovic. Se il giocatore dovrebbe invece restare in panne sino a giugno, di certo verrà fatto un tentativo: costo intorno ai 10 milioni, triennale o quadriennale da 3,5 milioni annui.

La realtà: Brozovic è già dell’Inter, prestito immediato a 3 milioni con riscatto a 5 nel 2016 e contratto fino al 2019. Centrocampista totale classe ’92, nella Croazia stabilmente titolare al posto di Kovacic, al quale si fa preferire per una maggior propensione alla fase difensiva. Esperienza internazionale fra Champions ed Europa League, può ricoprire tutti i ruoli di centrocampo, nella Dinamo Zagabria avrebbe cambiato addirittura 7 diverse posizioni. Totale del costo 8 milioni di euro, la Dinamo aveva rifiutato pochi giorni prima ben 6 milioni da Wenger. Murillo: il difensore, anch’egli classe ’92, è praticamente un giocatore dell’Inter, sempre per 8 milioni ma da giugno prossimo L’Inter farà un tentativo immediato ma sembra piuttosto difficile: di proprietà del Granada dei Pozzo, preso nel 2009 dall’Udinese, già debuttante e titolare nella Colombia: è balzato alle cronache lo scorso aprile nell’incredibile vittoria della sua squadra contro il Barça, marcando Messi per tutta la partita con eccellente personalità e tempismo.

Meno Yaya e più fatti, come quelli messi in mostra da Ausilio e Thohir sino ad oggi: un barlume di progetto da top club che non si vedeva da anni. Troppi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *