Gianmarco Calfa
No Comments

Australian Open: Andreas Seppi da favola!

L'altoatesino sconfigge lo svizzero in 4 set e sogna un posto nei quarti. Errani fuori dopo tre set con la Wickmayer.

Australian Open: Andreas Seppi da favola!
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Australian Open che inaspettatamente ci risveglia nella mattinata italiana con una notizia sensazionale: Andreas Seppi ha battuto Re Roger Federer in quattro set, in una partita durata quasi tre ore. Il racconto del match è qualcosa di epico ed emozionante al tempo stesso: Seppi partito ovviamente con gli sfavori del pronostico ha giocato una partita costante, al contrario dello svizzero vincitore di 17 prove dello Slam, che ha offerto una prestazione non degna delle sue capacità tecniche; il campione di Basilea in conferenza stampa è stato chiaro: “oggi non avevo

sensazioni positive in nessun colpo, voleè, servizio, dritto e rovescio non mi davano quel feeling che avevo avuto nei primi due match. Una giornata difficile, con troppi errori”. Già, troppi gli errori non forzati dello svizzero(ben 55), che non sono stati colmati sufficientemente dai 57 winner. Le statistiche ci parlano comunque di un incontro equilibrato, lo svizzero a rete è stato poco incisivo, portando a casa solo il 58% dei

Federer supera la rete e abbraccia Seppi dopo la partita. Roger signore anche nella sconfitta

Federer supera la rete e abbraccia Seppi dopo la partita. Roger signore anche nella sconfitta

punti, e anche sulle palle break ha sfruttato solo il 30%. Seppi, da parte sua, ha realizzato 50 winner e ha sfruttato alla grande le palle break avute, con un 60%(3/5). Il tutto unito ai 9 doppi falli di King Roger, cosa veramente inconsueta per il campione dei campioni. Nei primi due set l’italiano sfrutta una palla break sul 4/4 e conclude il set con il punteggio di 6/4. Nel secondo sale 5/4 e servizio ma Roger lo porta fino al tiebreak, dove Seppi vince 7 punti a 5. Nel terzo set Roger gioca meglio e chiude 6/4. Il momento chiave del match è la palla break che Seppi deve fronteggiare al primo game del quarto set: vincente sulla riga e da qui in poi è una lotta serrata dove i due giocatori tengono sempre il servizio. Roger parte bene nel tiebreak e sale 3/1, avanti di un minibreak sul 3/2, fa doppio fallo e si gira sul 3/3. Una lotta di nervi, Roger sale 5/4 e servizio, pronto a chiudere il set, ma non mette la prima di servizio e decide di scambiare da fondo e Seppi prende entrambi i punti e sale a match point sul 6/5 e servizio. Roger si apre il campo e attacca Seppi con dritto lungolinea, Andreas passa Roger con un recupero assurdo di dritto, che resterà nella storia; il resto già lo sapete.

Il resto è noia, in una giornata dove i più forti sono rimasti tali. Mentre Federer soffriva sulla Rod Laver Arena, Murray distruggeva il portoghese Sousa per 6/1 6/1 7/5, Berdych non lasciava scampo a Troicki, 6/4 6/3 6/4, senza concedere palle break. Nadal ha passeggiato contro Sela e conclude 6/1 6/0 7/5. Dimitrov vs Baghdatis è stato un match incredibile: sotto 2 set a 1 il bulgaro chiude le porte e vince al quinto per 6/3.

Tra le donne Simona Halep batte la Mattek-Sands per 6/4 7/5, soffrendo nel secondo quando stava 5/1; Maria Sharapova passeggia contro la Diyas con il punteggio di 6/1 6/1, mentre Eugenie Bouchard ci mette un set per avere la meglio sulla francese Garcia, vincendo per 7/5 6/0. Capitolo a parte per Sara Errani: la nostra era in vantaggio 6/4 3/1 contro la belga Wickmayer, la romagnola sembrava in controllo del match ma ha subito il recupero dell’avversaria e ha perso al terzo, per un punteggio di 4/6 6/4 6/3.

Focalizziamoci ora sul programma di domani degli Australian Open: molti bei match, sulla Rod Laver Arena, Agnieszka Radwanska sfida la statunitense Lepchenko, mentre Serena Williams incontra la russa Svitolina, il match più complesso è quello della Radwanska. Poi sempre sullo stesso campo, Djokovic affronta lo spagnolo Verdasco, match dall’esito quasi assicurato, mentre Wawrinka se la vedrà contro il finlandese Nieminen. Petra Kvitova chiuderà il programma contro Madison Keys. Raonic sulla Margaret Court Arena sfida il giustiziere di Leyton Hewitt, Benjamin Becker, a seguire Nishikori contro l’americano Johnson. Da non perdere Camila Giorgi, che ha la possibilità di giocarsi gli ottavi contro Venus Williams, può farcela!

Australian Open, match of the day: Giorgi vs. Williams, la nostra deve affermarsi e può farlo, Lopez vs. Janowicz match spettacolare con due giocatori di talento; Cibulkova vs. Cornet la sfida tra due caratterini del circuito, e Ferrer vs Simon, la definirei la “sfida infinita”, a causa degli scambi prolungati che giocheranno. Da vedere il match Vandeweghe vs. Brengle, due tenniste del futuro che si giocano un posto negli ottavi.

Buon Australian Open, e che Dio benedica Seppi!

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *