Matteo Masum
No Comments

Roma, per curiosità: a cosa ti serve Salah?

Operazione enigmatica di Sabatini, che sta per portare nella capitale l'ennesimo esterno offensivo

Roma, per curiosità: a cosa ti serve Salah?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Walter Sabatini, tra una sigaretta e l'altra sta lavorando per Salah

Walter Sabatini, tra una sigaretta e l’altra sta lavorando per Salah

La Roma sembra davvero ad un passo dall’acquistare, a titolo temporaneo, non si sa se con obbligo o diritto di riscatto, l’esterno egiziano Mohamed Salah, attualmente in forza al Chelsea. La distanza tra domanda è offerta è davvero minima, l’affare potrebbe andare in porto a breve scadenza. Si tratterebbe del primo rinforzo vero per Garcia, visto che Mendez e Ponce si aggregheranno alla rosa fra un anno o un anno e mezzo. Un colpo, tuttavia, del quale non si comprende l’utilità. Da qualunque angolazione lo si analizzi.

FORTE MA NON FORTISSIMO- Voluto fortemente da Mourinho, che fece spendere al Chelsea la bellezza di 16 mln di sterline, Salah non ha propriamente incantato a Stamford, così come invece aveva fatto con il Basilea. Poche presenze, pochissimi gol (solo due), e prestazioni solo discrete. L’impressione è che l’egiziano sia dotato di ottimo spunto, buona tecnica, buon dribbling, e poco altro. Sicuramente stiamo parlando di un giocatore importante, ma non sembra superiore ad elementi già presenti nella rosa della Roma, come Gervinho, Iturbe o Ljajic.

RUOLO COPERTO- La Roma ha una rosa molto ampia, la necessità di intervenire sul mercato non c’era. Se proprio Sabatini avesse voluto spendere qualche milione di euro, avrebbe dovuto cercare un terzino sinistro (o destro, visto l’evidente declino fisico di Maicon), o un centrale difensivo, tralasciando il ruolo di prima punta a causa dei prezzi di mercato. Sinceramente, la scelta di optare per Salah, indipendentemente da come dovesse concludersi l’operazione appare incomprensibile. In quel ruolo, infatti, Garcia ha problemi di abbondanza, e, tanto per fare un esempio, nel caso in una partita dovesse schierare Totti-Gervinho-Salah, rimarrebbero fuori Destro, Iturbe, Ljajic e Florenzi, che insieme a due tra Nainggolan, De Rossi, Keita, Pjanic e Strootman comporrebbero una panchina da scudetto.

L’affare è dunque vicino alla conclusione. La Roma presto potrebbe abbracciare un nuovo giocatore. La speranza dei tifosi giallorossi è che porti i benefici sperati. In quel caso, ancora una volta, Sabatini avrebbe avuto ragione.

Matteo Masum

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *