Vincenzo Galdieri
No Comments

La Juventus passeggia sul campionato: 4-0 al Verona e fuga

La Juventus passeggia sul campionato: 4-0 al Verona e fuga
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Juventus

Roberto Pereyra, il giorno della sua presentazione a Torino: oggi il suo primo gol in campionato con la maglia della Juventus

Straripante, strabordante, mostruosa, fortissima. La Juventus continua la propria marcia incessante verso il quarto Scudetto di fila, con una fame degna di chi non vince da anni e con uno strapotere fisico, tecnico e mentale spaventoso. A fare le spese della furia bianconera è ancora il malcapitato Verona, che dopo il 6-1 in Coppa Italia di tre giorni fa subisce un netto 4-0 anche in campionato: gli scaligeri ora non metteranno piede allo Stadium per un bel po’, ma probabilmente non gli darà fastidio. Ma non è colpa del Verona se la Juventus è cosi forte. Oggi potrebbe perdere male chiunque contro questa squadra stratosferica. Che vola a +5 sull’incerta, acerba e – inutile negarlo – meno forte Roma, che continua a crescere ma che ancora non riesce a competere coi livelli d’eccellenza assoluta messi in mostra da Tevez e soci. Poi c’è ancora metà campionato da giocare e tutto è possibile. Ma al giro di boa, la sensazione è sempre la stessa: la Juventus è semplicemente troppo più forte di tutti.

TEVEZ, POGBA, PEREYRA: SHOW TOTALE ALLO STADIUM – Allegri non deve mai soffrire perchè la Juventus dopo 10 minuti scarsi è già avanti 2-0: prima Pogba da fuori, poi il solito Tevez con un tiro a giro. Ci prova anche Pirlo, ma Rafael è super. Nella ripresa, pronti-via e poco dopo segna Pereyra, con un grande inserimento: secondo gol in tre giorni, il vice Vidal è bravo per davvero. Il più bravo però è sempre lui, il capocannoniere del campionato: Carlitos Tevez segna il 4-0, esulta, esce e si becca la standing ovation. Come tutta la Juve, che corre sotto la curva esultante con gli occhi di chi ha intenzione di sbranare tutti. Ne vogliono ancora, ancora ed ancora. Qualcuno riuscirà a fermarli prima o poi?

Vincenzo Galdieri
(Twitter: @Vince_Galdieri)

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *