Edoardo Baracco
No Comments

Nba, il quintetto della notte: dominio Durant-Westbrook contro Orlando, sorpresa Leonard al rientro

Durant-Westbrook dominano Orlando nella notte nba. Evans batte i Toronto sulla sirena, sorpresa Leonard al rientro dopo l'infortunio.

Nba, il quintetto della notte: dominio Durant-Westbrook contro Orlando, sorpresa Leonard al rientro
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tyreke Evans (25-5-5): sentenzia lui il, con una penetrazione allo scadere del tempo, il settimo ko nelle ultime 9 gare di Raptors. Miglior marcatore di serata, con i suoi 25 punti, porta a casa una vittoria fondamentale che mantiene i Pellicans a ridosso della zona Play-off. In generale partita tutto sommato bruttina, non fosse per la bella prestazione di Tyreke. Unica nota lieta in una serata tutt’altro che emozionante.

Kevin Durant (21-8-11): dominio Durant su Orlando, che con i suoi 21 punti spazza letteralmente via i Magic. Grande prova di Kevin, che insieme a Westbrook fa ciò che vuole portando anche sul +40 il risultato. Quando questi sono in giornata non li ferma nessuno. Campioni assoluti.

Russel Westbrook (17-6-1): di fatti un altro grande della serata è proprio lui, il braccio destro di Kevin. Aggiunge 17 punti e tanta corsa alla vittoria dei Thunder. Da solo lo abbiamo visto, fa la differenza, ma non è quel giocatore in grado di cambiarti le sorti di una gara. Sa però essere un gregario sensazionale, capace di non oscurare la stella, ma riuscendo comunque ad essere determinante al termine della partita. Meraviglioso.

Victor Oladipo (23-5-3): c’è gloria anche per qualcuno sponda Magic in questa serata. Oladipo è autore di un’ottima prestazione siglando 23 punti. Nulla può contro lo strapotere di Westbrook-Durant, ma è lui che fino in fondo prova a fare bella figura e a portarsi a casa la pagnotta. Purtroppo a sto giro gli è andata male.

Kawhi Leonard (12-9-1): in casa Spurs arriva la terza vittoria di fila per Popovich e compagnia, nel sego di un grande Leonard al rientro dall’infortunio. 12 punti e 9 rimbalzi contro Utah, sono un segnale forte che l’Mvp delle scorse finals sta tornando, e bene. Chiaramente non è ancora nelle migliori condizioni, ma la strada è quella giusta, e con gli altri big a riposo sono stati lui e Splitter a portare a casa una vittoria che rilancia San Antonio tra le grandi della Western Conference.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *