Gianpiero Farina
4 Comments

Lazio, ma quanto spendi?

Analisi delle ultime sessioni di calciomercato della società capitolina

Lazio, ma quanto spendi?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il calciomercato invernale è nel pieno delle trattative. La Lazio è vicinissima ad Hoedt e spuntano clamorose indiscrezioni su una possibile cessione di Klose al Werder Brema, ma proprio nei giorni delle polemiche post derby tra Lotito e Pallotta molti si chiedono se davvero nel bilancio dei biancocelesti sia tutto rose e fiori.

Ecco la bilancia dei trasferimenti delle ultime sessioni di mercato delle sette sorelle: la Lazio è l'unica sempre in perdita.

Ecco la bilancia dei trasferimenti delle ultime sessioni di mercato delle sette sorelle: la Lazio è l’unica sempre in perdita

BILANCIA IN PERDITA – -22,38 milioni di euro: questo dice la bilancia dei trasferimenti di casa Lazio dall’anno 2010 ad oggi. Un dato che stupisce forse molti. E in più i biancocelesti sono gli unici delle cosiddette sette sorelle ad essere sempre in perdita. Una mancanza di equilibrio tra entrate ed uscite che spinge a riflettere. La cessione di Hernanes dello scorso gennaio fece inviperire i tifosi laziali. Ma spulciando il bilancio della società si scopre che fu proprio quella cessione, insieme a quelle di Floccari e Kozak, a garantire alla Lazio di evitare il rosso nei conti. Un incasso di 20 milioni e una plusvalenza di 9,79 che diede respiro alle casse di Lotito.

TRA ERRORI DI MERCATO E CATTIVA GESTIONE – Quindi la società capitolina ha investito molto sul mercato acquistando numerosi giocatori, Ma davvero erano tutti così utili e tutti hanno lasciato un bel ricordo alla tifoseria laziale? Il primo nome che viene in mente è quello di Djibril Cissè, accolto in un clima festoso ed andato via in un silenzio surreale come un giocatore qualsiasi. Certo i problemi dell’attaccante francese furono più di natura tecnico-tattica ma probabilmente, avendo già preso Klose, il suo acquisto col senno di poi fu più una mossa mediatica e di marketing e l’allora mister Reja si trovò a che fare con due giocatori troppo simili. E che dire della cattiva gestione di Zarate, passato da idolo di una tifoseria a controparte dinnanzi ad un giudice per mobbing. E come non pensare agli acquisti di Pereirinha, Perea, Novaretti ed Ederson, presentati come giocatori in grado di far fare il salto di qualità a questa squadra ma poi finiti ai margini del progetto per motivi tattici, tecnici e fisici.  Quest’estate la bilancia a fine mercato ha segnato un -14,25 mln. La Lazio ha speso tanto facendo un ottimo mercato con ottimi acquisti come Parolo e De Vrij, Ma resta sempre quella curiosità di guardare il bilancio con il dubbio che un cessione illustre sia necessaria per tappare i buchi di una gestione che permette di sognare solo a chi soffre di incubi.

Share Button

4 Responses to Lazio, ma quanto spendi?

  1. fabio 16 gennaio 2015 at 7:19

    Non sapete più a che cosa attaccarvi…
    Che pena

    Rispondi
  2. Antonio 16 gennaio 2015 at 10:01

    Analisi imbarazzante. Tenete conto solo della differenza tra entrate e uscite nel calciomercato, senza tener conto degli altri mille fattori che influiscono sul bilancio.
    Mancano gli introiti dei diritti tv, quelli da stadio, da sponsor, mancano tutte le spese, ma soprattutto manca il monte ingaggi. Quello della Lazio è intorno ai 55 milioni di euro, quella della Roma intorno ai 100. Questo vuol dire che la Roma spende 45 milioni all’anno in più della Lazio solo di stipendi ai calciatori. Capito? 45 all’anno, che in 5 anni fanno 225 milioni. Aggiungete questo alla vostra analisi sul bilancio.

    Rispondi
  3. Luca 16 gennaio 2015 at 13:52

    Restando al solo calcio mercato tra le cosiddette 7 sorelle è quella che registra il debito minore dopo il Milan. Passi per la Juve che con 143 milioni di rosso qualcosina ha vinto ma vogliamo parlare della Roma che, spendendo 68 milioni contro i 22 della Lazio, non ha vinto assolutamente nulla al contrario dei biancocelesti?

    Rispondi
  4. alan 19 gennaio 2015 at 11:43

    che dire di un articolo chiaramente di parte e senza una analisi completa?meglio niente!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *