Antonio Fioretto
No Comments

Pagelle Fiorentina-Palermo 4-3: la viola vola sulle ali, Quaison predestinato

I due esterni della Fiorentina, Joaquin e Pasqual, sono i migliori in campo insieme alla rivelazione Quaison

Pagelle Fiorentina-Palermo 4-3: la viola vola sulle ali, Quaison predestinato
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Fiorentina e Palermo danno vita ad una sfida pirotecnica, terminata col punteggio di 4-3. Un primo tempo a forti tinte viola, coi gol di Pasqual e Basanta. Poi, come capita spesso ultimamente, un calo di concentrazione della difesa di Montella ha permesso la parziale rimonta rosanero con la doppietta di un inatteso Quaison. Alla fine, il gol di Cuadrado e il capolavoro di Joaquin hanno portato i tre punti ai toscani. Inutile, nel finale, il rigore trasformato da Belotti. Ecco le pagelle del match:

FIORENTINA

Tatarusanu 5,5: Gioca perchè Neto ha un dolore alla spalla ma non ci crede manco lui. Partecipa al disastro del secondo gol di Quaison

Basanta 5,5: Tutta la difesa patisce l’assenza degli altri due titolari (Savic e Rodriguez). Ma gli erroracci da segnare con la penna blu contraddistinguono la sua gara come mai prima. Il gol del momentaneo 2-0 salva parzialmente una prestazione sotto le righe.

Tomovic 5,5: Il meno peggio della sua difesa, ma non gli basta per guadagnarsi la sufficienza.

Marcos Alonso 5: Fuori ruolo. Adattato come terzo di difesa non vede mai Morganella…figurarsi Quaison, quando entra. Un obbrobrio l’errore sul 2-2 rosanero. (Dal 76′ – Micah Richards s.v.)

Joaquin 8 (IL MIGLIORE): Madonna. Gara sontuosa dell’esterno spagnolo, che torna a sembrare quello del Valencia. Lazaar non lo vede praticamente mai e fa sempre la cosa giusta. Poi quel gol: un capolavoro.

Borja Valero 7: Nel primo tempo gode di una libertà decisamente illegale. Ne approfitta, dispensando calcio e gioco come il più abile dei registi. Cala nella ripresa, ma la sua partita resta di livello assoluto. La traversa gli nega il gol.

Pizarro 5,5: Voto a metà tra il bel primo tempo, nel quale piglia pure un palo, e un secondo tempo sottotono, in linea con la squadra. Retropassaggio omicida in occasione del 2-2 palermitano.

Mati Fernandez 6,5: Da tutto quello che ha. Vale a dire dinamicità, movimento e qualità nei passaggi. (Dall’87’ – Kurtic s.v.)

Pasqual 7,5: Spezza la gara col gol dell’1-0. Poi corre come un invasato e offre a tutti una conferma: sui cross in corsa, in Serie A, non c’è di meglio.

Cuadrado 6,5: Il suo miglior pregio è anche il suo miglior difetto: corre, corre, corre. E’ dappertutto, ma spesso per questo è poco lucido nei momenti decisivi. La mette dentro, comunque, nella fase più delicata. (Dall’82’ Vargas s.v.)

Mario Gomez 4,5: Più che SuperMario, pare il fratello Luigi. Oggetto misterioso. Non si capisce la sua involuzione tecnica, soprattutto restano un mistero i motivi. Gli va tutto male, compreso un gol annullato in fuorigioco.

PALERMO

Sorrentino 5,5: Non benissimo su due dei quattro gol viola.

Munoz 5: Passa in una settimana da top player e spaesato. La dura vita di un difensore in giornata no.

Gonzalez 5,5: Il meno peggio della sua retroguardia. Ma se la tua squadra prende quattro gol e tu sei il centrale difensivo, devi farti quantomeno delle domande.

Feddal 5,5: Perde Cuadrado sul 3-2, mette toppe per il resto della partita.

Morganella 4,5: A turno Pasqual e Joaquin gli fanno vedere i sorci verdi. Domenica da incubo

Rigoni 5: non esce su Pasqual in occasione dell’ 1-0 e annaspa per il resto della partita. (Dall’81’ Bolzoni s.v.)

Maresca 5,5: Almeno lotto, rischiando anche un brutto infortunio al ginocchio. Ma finisce anch’egli in balia del centrocampo viola (Dal 52′ Quaison 7,5: Da dove sia spuntato nessuno lo sa. Fatto sta che oltre a Dybala e Vazquez il Palermo ne ha scovato un altro. Predestinato)

Barreto 5: Soffre maledettamente le due mezz’ale della Fiorentina, che a turno lo prendono in mezzo.

Lazaar 4: Disastroso. Per diversi giorni ricorderà il nome di Joaquin. (Dal 63′ – Emerson 6: Molto meglio di chi gli lascia il posto. Tiene botta)

Vazquez 5,5: Prova ad accendere la luce. Ma va a corrente alternata.

Belotti 7: Combatte come un guerriero. Serve a Quaison l’assist del 2-1 e trasforma il rigore del 4-3.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *