Redazione

Mercato Spagna, flop in entrata. Solo Jordi Alba il colpo del Barca, poi nulla più

Mercato Spagna, flop in entrata. Solo Jordi Alba il colpo del Barca, poi nulla più
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

MADRID, 14 LUGLIO – E’ inutile dirlo, ma ormai un pò per la crisi economica, un pò per gli sceicchi che vengono a investire milioni di euro nelle squadre europee, anche la Spagna che segue a ruota l’Italia, sta cambiando il suo modo di affrontare il calcio.

Negli ultimi decenni piazzaforte dei super-acquisti, soprattutto con le sue regine, Barcellona e Real Madrid, la Spagna ha cominciato a risentire della crisi economica che la attanaglia, subendo ripercussioni anche sul calcio. Poi se ci si mettono anche gli sceicchi che stanno colonizzando il vecchio continente acquistando squadre e calciatori con spese pazze, il gap tende e tenderà ad aumentare anno per anno.

In Spagna, fin’ora, dall’inizio del calciomercato, l’unico acquisto di rilievo concretizzatosi è stato quello di Jordi Alba che è passato dal Valencia al Barcellona. Poi niente più. Almeno fino ad oggi.

Qualche uscita per i blaugrana, uscite anche per il Real Madrid, che pensa si ad acquistare qualcuno, uno su tutti Modric, ma c’è  da battere la concorrenza del Paris Saint Germain. Si, il Psg, proprio loro, gli spendaccioni del 2012 che sono stati capaci di allestire una squadra pazzesca spendendo cifre impronunciabili. Lo sceicco Al Thani, capo dei parigini sembra non essere ancora sazio e fino alla chiusura del mercato è possibile che sfoderi altri petrol-dollari.

L’unica salvezza per la Spagna in “crisi” di acquisti calcistici, potrebbe essere il Malaga. La formazione manco a dirlo è stata rivelata da uno sceicco, un certo Al Thani, che non suona nuovo in quanto è il cugino del presidente del Psg (vedi sopra). Sembra essere, il Malaga, l’unico team che fino alla fine della sessione estiva di calciomercato, possa spendere molti soldi per qualche colpo. I nomi sono tanti ma ancora previsioni certe non se ne possono fare.

Gennaro Manolio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *