Connect with us

Basket

Nba, i risultati della notte: Atlanta ferma i Pistons, Cleveland è in caduta libera

Pubblicato

|

JR Smith, espulso tra i Cavs.

Undici partite ma poche sorprese, questo è il rapidissimo riassunto della notte Nba appena conclusa.Golden State come previsto ne rifila 18 ai Cavs, Atlanta è sempre più prima fermando a sei la striscia di vittorie dei Pistons e Oklahoma City continua la sua rincorsa ai playoff. L’unica sorpresa è forse la vittoria con 16 punti di scarto di Washington a danno dei Bulls, oltre alla W di Denver in quel di Sacramento.

John Wall, la sua ennesima doppia doppia trascina Washington alla vittoria nella notte Nba

John Wall, la sua ennesima doppia doppia trascina Washington alla vittoria nella notte Nba

EASTERN CONFERENCE – Atlanta è inarrestabile, dopo la vittoria contro Detroit arrivata per 106-103, gli Hawks sono ora una delle tre squadre ad aver perso meno di 10 partite (Golden State 5, Portland 8 n.d.r.). Sul campo dei Pistons è decisivo Al Horford con 19 punti e 16 rimbalzi. Vince anche Indiana che crede nei playoff (se i Pacers arrivassero tra le prime 8 potrebbero ritrovare Paul George per la post-season) dopo la vittoria 107-103 contro i Celtics. Bene anche Philadelphia che dopo la vittoria sui Nets ha una W in più dei Knicks e di Minnesota scrollandosi di dosso il soprannome di “peggior squadra della lega”. Nelle zone alte della Eastern Conference Nba vincono anche Wizards e Bucks: la franchigia di Washington rifila 102 punti ai più quotati Bulls scavalcandoli in classifica. Milwaukee invece ha vita facile e vince agilmente 98-84 contro i già citati Timberwolves.

WESTERN CONFERENCE – Cleveland è ormai in caduta libera, 27 punti di JR Smith e 23 di Irving non bastano ad evitare la sconfitta contro gli alieni di Oakland, a vincere è Golden State con l’ennesima sontuosa prestazione di Steph Curry. Alle loro spalle perde colpi Memphis, dopo un avvio spettacolare il meccanismo perfetto dei Grizzlies sembra aver rallentato, e a vincere sono quindi i New Orleans Pelicans di Anthony Davis per 106-95. Gli Spurs nel frattempo vincono lo scontro ravvicinato tenendo a distanza i Suns, decisivi i 20 punti messi a referto da Danny Green. Subito dietro non molla Oklahoma City che raccoglie la W 99-94 contro Utah con 32 punti di Kevin Durant. Infine vittorie anche per Lakers e Nuggets che battono rispettivamente Magic e Kings, inutili per  Sacramento i 32 punti e 13 rimbalzi di DeMarcus Cousins.

Continue Reading
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending