Matteo De Angelis

Mercato Milan: Dzeko o Tevez per il dopo Ibra, Astori o Rolando in difesa

Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Edin Dzeko e Carlos Tevez, obiettivi di mercato del MilanMILANO, 14 LUGLIO 2012 – Ibra e Thiago Silva andranno al PSG. Ancora non c’è l’ufficialità ma i due giocatori, a meno di clamorosi ribaltoni, giocheranno a Parigi nella prossima stagione. La società dovrà dunque guardarsi intorno per cercare dei degni sostituiti, naturalmente senza fare follie e con un occhio al fair play finanziario. Tanti i nomi che circolano in queste ore, analizziamo più in dettaglio la questione.

DZEKO O TEVEZ – Triennale da 12 milioni di euro l’anno più due di bonus. Queste le indiscrezioni riguardo lo stipendio che percepirà Ibra al PSG. L’affare è ad un passo dalla conclusione e il Milan rischia di perdere il suo attaccante di riferimento. Chi al suo posto? Tanti nomi sono stati fatti ma la realtà dice che la società di via Turati non investirà tutti i soldi incassati con la cessione. Galliani è alla ricerca del giocatore ideale che possa sostituire Ibra. L’identikit è quello di Edin Dzekopossente attaccante del Manchester City. Massimiliano Allegri sarebbe felicissimo di poterlo allenare e schierare come prima punta al fianco di Pato o Cassano. La società rossonera segue però anche un’altra pista, quella che porta a Carlos Tevez. L’Apache è stato vicinissimo al Milan già a gennaio e l’amore non è mai finito definitivamente. L’unico problema è quello che poi ai rossoneri mancherebbe un vero attaccante d’area di rigore, e l’arrivo di Tevez potrebbe ostacolare ancor più la maturazione di Pato.

IL DOPO THIAGO – Ibra se ne va, con lui anche Thiago Silva. La distanza tra domanda e offerta è ancora da limare ma gli sceicchi parigini acquisteranno a breve uno dei difensori più forti al mondo. Come si comporterà ora il Milan? Sostituire il brasiliano è difficile, quasi impossibile perché nel panorama mondiale sono pochi i difensori al suo livello. E il solo acquisto di Acerbi potrebbe non bastare a rendere competitivo il Milan in Italia e in Europa. Nelle ultime ore pare che i rossoneri si siano interessati a Rolando, centrale ventiseienne del Porto. Il giocatore è comunitario dunque il suo arrivo non ostacolerebbe quello di Tevez o Dzeko. Il problema è però il costo: il Milan non vuole fare follie e i 15 milioni chiesti dal club portoghese sono stati valutati eccessivi dalla società di via Turati. Qualora l’affare Rolando dovesse sfumare Galliani è pronto a forzare la trattativa per portare a San Siro Davide Astori. Il difensore è fresco di rinnovo con il Cagliari ma una concreta offerta da parte dei rossoneri potrebbe sbloccare la situazione.

GLI ALTRI MOVIMENTI – Con le cessioni di Ibra e Thiago Silva il Milan risparmierebbe 150 milioni di euro in due anni. Parola di Silvio Berlusconi. Alcuni soldi verrebbero reinvestiti per sostituire i due campioni perduti, molti altri soldi invece serviranno per sanare il bilancio del club rossonero. I tifosi dunque dovranno aspettarsi un mercato all’insegna del fair play finanziario, senza colpi di scena. In attacco, qualora il Milan non dovesse riuscire a prendere uno dei due bomber del City, si aprirebbero strade diverse. Mattia Destro potrebbe essere la vera sorpresa anche se la Roma è molto in avanti con la trattativa per portare l’attaccante ascolano nella capitale. Altra idea sarebbe quella di vedere Pazzini con la maglia rossonera. L’ipotesi a qualcuno farà storcere il naso ma non è da escludere a priori. L’ultima pista porta a Leandro Damiao, attaccante dell’Internacional di Porto Alegre e pallino di Ariedo Braida. Venerdì prossimo inoltre chiuderà il mercato brasiliano: se il Milan vuole davvero cedere Robinho il tempo a disposizione inizia ad essere poco. A centrocampo l’ipotesi Kakà è più fantacalcio che altro. L’ingaggio del giocatore è troppo alto, difficile un suo ritorno a Milano. Per la difesa invece il vero colpo potrebbe essere Balzaretti. La società rossonera stravede per lui ma il Palermo non vuole cederlo. Chissà che, magari a fine agosto, il Milan non provi a strapparlo a Zamparini.

a cura di Matteo De Angelis

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *