Kevin Brunetti
No Comments

Nba, i risultati della notte: Portland va a caccia, New York sempre più giù

Vittoria n.28 per i Trail Blazers di Lillard e Aldridge che adesso puntano Golden State, sempre più giù i Knicks con 5-34 hanno il peggior record Nba

Nba, i risultati della notte: Portland va a caccia, New York sempre più giù
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Solo tre incontri disputati nella notte Nba: spiccano le prestazioni di Gerald Henderson, Kemba Walker, James Harden e LaMarcus Aldridge, tutti usciti vittoriosi dalle proprie partite. Batosta per New York che adesso oltre ad avere il peggior record in Nba è a 14 sconfitte consecutive, peggio di Minnesota ferma a 13.

VOLA L’OVEST – Era difficile pensare che le sfide tra Rockets e Knicks e tra Heat e Trail Blazers potessero chiudersi diversamente: due W per le due squadre dell’Ovest. I Knicks privi di Carmelo Anthony hanno ceduto il passo a Houston 120-96, decisiva la prestazione di James Harden che con 25 punti e 9 assist riscatta le ultime uscite sotto la media. Tra le file di New York bene solo Travis Wear che ha chiuso la notte con 21 punti, 5 rimbalzi e 9/16 al tiro. Nessuna sorpresa ovviamente nel match tra Trail Blazers e Heat, la franchigia di Portland ha confermato il suo strapotere vincendo 99-83. Con questa sconfitta Miami si trova ottava ad Est con Charlotte che scalpita alle sue spalle, che gli Heat inizino a sentire la pressione? Non la sentono sicuramente i Trail Blazers a cui non serve una super prestazione di Lillard (solo 16 punti e 3 assist per lui) per vincere, bastano i soliti 24 punti e 12 rimbalzi dell’inarrestabile LaMarcus Aldridge. Prenotate un posto ai Playoff, Portland è una realtà,

SORPRESA CHARLOTTE – La sorpresa della notte arriva dal Canada, più precisamente da Toronto dove i Raptors si arrendono agli Hornets. Risultato che difficilmente ci saremmo aspettati viste le stagioni che stanno avendo queste due franchigie. A decidere l’incontro sono Kemba Walker e Gerald Henderson: il primo segna 29 punti, smista 8 assist e raccoglie 7 rimbalzi, il secondo segna 31 punti con un invidiabile 13/20 al tiro. Charlotte si incolla così alle spalle di Miami (sconfitta nella notte) e raccoglie la quarta vittoria consecutiva. Forse è presto per parlare di una svolta, ma questi Hornets (senza Stephenson) sono una squadra da Playoff.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *