Kevin Brunetti
No Comments

Nba, il quintetto della notte: Monroe colossale, tornano gli “Splash Brothers”

Notte Nba ricchissima di gare in cui scegliere solo cinque nomi è difficilissimo: i grandi esclusi sono DeMarcus Cousins, Dwight Howard e James Harden

Nba, il quintetto della notte: Monroe colossale, tornano gli “Splash Brothers”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sono ben tredici le partite disputate nella notte Nba appena conclusa. Tredici gare ricche di exploit individuali e grandi prestazioni, sceglierne solo cinque è stato piuttosto complicato. I grandi esclusi sono Dwight Howard (17+2+19), James Harden (21+9+7) e DeMarcus Cousins (23+4+15). Ma era difficile togliere il posto a uno dei cinque nomi che compongono il nostro quintetto della notte:

Stephen Curry: 21 punti e 15 rimbalzi nella notte Nba, è sempre più un serio candidato all'MVP della Regular Season Nba

Stephen Curry: 21 punti e 15 rimbalzi nella notte Nba, è sempre più un serio candidato all’MVP della Regular Season Nba

Stephen Curry (21-15-3): Segna meno ma fa più assist, in un modo o nell’altro Steph è sempre una gioia per i nostri occhi, ma soprattutto per quelli di coach Steve Kerr che grazie a lui si sta senz’altro godendo la sua prima stagione Nba da allenatore.

Klay Thompson (40-2-4): Gli “Splash Brothers” sono tornati, in due segnano 61 dei 117 punti totali per Golden State e causano ripetuti incubi al quintetto dei Pacers. Ottime anche le percentuali al tiro con Thompson che chiude la serata con un 14/25 totale e 6/11 da tre punti.

Blake Griffin (27-8-9): “Sa solo schiacciare”, questo è quello che si diceva di lui quando ha messo piede nella lega. Se le ultime stagioni non vi sono bastate, la prestazione di questa notte è l’ennesima riprova, Blake è un giocatore completo.

Greg Monroe (27-6-18): No Josh Smith, no problem. Questa sembra essere più o meno la linea di pensiero che aleggia su Detroit, da quando i Pistons hanno tagliato Smith infatti viaggiano a 7 vittorie e 0 sconfitte… Contro le 5 vittorie e 23 sconfitte ottenute con lui in campo.

Anthony Davis (32-1-12): I Pelicans cadono nella tana di Charlotte, ma Anthony Davis come sempre non ha fatto mancare il suo apporto alla squadra. Trentadue punti con 15/24 al tiro, 12 rimbalzi e 4 stoppate… Charlotte ha vinto, ma Davis è una certezza.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *