Connect with us

Basket

Nba, il quintetto della notte: Monroe colossale, tornano gli “Splash Brothers”

Pubblicato

|

Splash Brothers re della notte Nba.

Sono ben tredici le partite disputate nella notte Nba appena conclusa. Tredici gare ricche di exploit individuali e grandi prestazioni, sceglierne solo cinque è stato piuttosto complicato. I grandi esclusi sono Dwight Howard (17+2+19), James Harden (21+9+7) e DeMarcus Cousins (23+4+15). Ma era difficile togliere il posto a uno dei cinque nomi che compongono il nostro quintetto della notte:

Stephen Curry: 21 punti e 15 rimbalzi nella notte Nba, è sempre più un serio candidato all'MVP della Regular Season Nba

Stephen Curry: 21 punti e 15 rimbalzi nella notte Nba, è sempre più un serio candidato all’MVP della Regular Season Nba

Stephen Curry (21-15-3): Segna meno ma fa più assist, in un modo o nell’altro Steph è sempre una gioia per i nostri occhi, ma soprattutto per quelli di coach Steve Kerr che grazie a lui si sta senz’altro godendo la sua prima stagione Nba da allenatore.

Klay Thompson (40-2-4): Gli “Splash Brothers” sono tornati, in due segnano 61 dei 117 punti totali per Golden State e causano ripetuti incubi al quintetto dei Pacers. Ottime anche le percentuali al tiro con Thompson che chiude la serata con un 14/25 totale e 6/11 da tre punti.

Blake Griffin (27-8-9): “Sa solo schiacciare”, questo è quello che si diceva di lui quando ha messo piede nella lega. Se le ultime stagioni non vi sono bastate, la prestazione di questa notte è l’ennesima riprova, Blake è un giocatore completo.

Greg Monroe (27-6-18): No Josh Smith, no problem. Questa sembra essere più o meno la linea di pensiero che aleggia su Detroit, da quando i Pistons hanno tagliato Smith infatti viaggiano a 7 vittorie e 0 sconfitte… Contro le 5 vittorie e 23 sconfitte ottenute con lui in campo.

Anthony Davis (32-1-12): I Pelicans cadono nella tana di Charlotte, ma Anthony Davis come sempre non ha fatto mancare il suo apporto alla squadra. Trentadue punti con 15/24 al tiro, 12 rimbalzi e 4 stoppate… Charlotte ha vinto, ma Davis è una certezza.

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending