Marco Scipioni
No Comments

Conferenza Rudi Garcia: “Possiamo migliorare ma non ci serve un bomber”

"Strootman è pronto, Iturbe avrà successo". E poi scherza su Florenzi: "Un giorno giocherà uno contro tutti"

Conferenza Rudi Garcia: “Possiamo migliorare ma non ci serve un bomber”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Rudi Garcia su Iturbe:" Ha preso un po' di tempo per l'ambientamento, ma avrà successo"

Rudi Garcia su Iturbe:” Ha preso un po’ di tempo per l’ambientamento, ma avrà successo”

E’ un Rudi Garcia molto carico quello che si presenta alla conferenza stampa di Udinese-Roma. Sa dell’importanza della sfida, ed ha cercato di trasmettere un senso di responsabilità ai suoi giocatori. A partire da Iturbe, nel quale il tecnico francese continua a riporre molta fiducia (“Il profilo di Manuel si avvicina a Gervinho“) e Strootman, pronto ormai per tornare quello dello scorso anno.

LA COPPA D’AFRICA- Garcia sarà privo di Keita e Gervinho, entrambi volati in Guinea Equatoriale per affrontare la Coppa d’Africa. Nessun problema, tuttavia, per la Roma (“Sapevamo che sarebbero partiti, ma abbiamo in rosa giocatori forti e lo dimostreranno“). Assai pesante l’assenza dell’esterno ivoriano, pedina fondamentale nello scacchiere tattico di Garcia, il quale, ancora una volta, nasconde ogni preoccupazione:” Gli altri giocatori offensivi devono prendersi delle responsabilità, come ha fatto Ljajic“.

CAPITOLO DESTRO- Un tema caldo del mercato giallorosso è quello legato a Mattia Destro, scontento del poco utilizzo, ed alla relativa mancanza di un bomber. Il tecnico ha voluto ribadire la sua fiducia nell’ex Siena:” Mattia è un bomber, un profilo unico nella rosa. Avrà la possibilità di dimostrare le sue qualità. Non ci serve uno da 20 gol a stagione, preferisco avere più giocatori che segnino“. Capitolo chiuso, almeno per ora.

GLI OBIETTIVI- Firmerei per ripetere quanto fatto nel 2014, significherebbe che lotteremo per il titolo anche nel 2015“. Crede allo scudetto, e non lo ha mai nascosto Garcia, nonostante la famigerata sconfitta patita a Torino, sulla quale è tornato, rapidamente, ancora una volta:” Quando mi parlate di quella gara, non cambio idea“. Sa che la Roma deve migliorare, e per farlo, si affida a Strootman ed Iturbe, ma anche a Florenzi (“Chissà se un giorno giocherò con Florenzi contro tutti, uno contro undici“). Udine è una tappa difficile, poi c’è il derby:” La strada sarà lunga per tutti. Ogni partita è importante, poi se ci avviciniamo alla Juve sarà anche meglio. Ma i conti si faranno alla fine“.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *