Antonio Casu
No Comments

Dalle lacrime di Mazzarri a quelle del Brasile: gli “Sfigati Awards 2014”

La Bela-Guttmann Academy ha eletto lo sportivo meno fortunato dell'anno che si sta chiudendo. L'ex tecnico dell'Inter prepara l'ombrello...

Dalle lacrime di Mazzarri a quelle del Brasile: gli “Sfigati Awards 2014”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
"Gli Sfigati Awards 2014" sono dedicati alla memoria di Bela-Guttman. Mazzarri è il favorito numero uno

“Gli Sfigati Awards 2014” sono dedicati alla memoria di Bela-Guttmann. Mazzarri è il favorito numero uno

In diretta dal casinò di Monte Carlo, già sede delle sfide fantozziane col gioco d’azzardo del Megadirettore Clamoroso Duca Conte Pier Carlo ing. Semenzara, andrà ora in onda la consegna del premio meno ambito del mondo dello sport: “Gli Sfigati Awards 2014”. Si tratta di una rassegna degli  sventurati protagonisti dell’anno che si sta chiudendo. Cinque nomi per un posto: chi sarà lo “sfigato dell’anno”? Mazzarri prepara l’ombrello… 

QUINTO POSTO | ZDENEK ZEMANZemanlandia? Non è a Cagliari. L’ex tecnico del sardi, sedotto e abbandonato dal confuso presidente Giulini, ha tentato di trasformare i rossoblù in una temibile macchina da gol. Risultato? Terzultimo posto in classifica, quattro partite di fila senza un gol ed un passaggio storico nella carriera del boemo: il 4-4-2. In quel maledetto giovedì, hanno gioito solo Giovanni Trapattoni e gli attaccanti della Juventus. Più sfigato di così…

QUARTO POSTO | MASSIMO FERRERO – L’uomo dall’improbabile burqa blucerchiato, divertente macchietta romanesca, ha sconvolto il mondo del calcio. Ci ha provato (con pessimi risultati) con qualunque esponente del sesso femminile capitatagli a tiro, dato del filippino a Thohir e conquistato il terzo posto provvisorio della Serie A. Una tempesta perfetta. Folle, ma perfetta.

TERZO POSTO | BENNETAU/BENFICA – Un destino comune. Uno sfigatissimo destino comune. Julien Bennetau, il Benfica ed una maledizione da condividere tra mille lacrime. Il tennista francese ha perso dieci finali di fila, mentre i lusitani continuano ad inanellare secondi posti nelle competizioni europee più importanti. Qualcuno si informi sulle occupazioni lavorative dei discendenti di Bela-Guttmann: è probabile che si trovi tra loro un maestro di tennis.

SECONDO POSTO | IL BRASILE – Lezione numero uno del manuale del calcio: lo sport è divertimento, passione e serenità. Non vince solo il più forte, ma soprattutto chi mantiene il sangue freddo. Il Brasile in Brasile: che ansia. I verdeoro non si sono divertiti e sono usciti dal Mondiale più ambito sotto i colpi dei panzer tedeschi. Sette scoppole ed una lezione che ricorderanno per sempre. Purtroppo non è la lezione giusta.

PRIMO POSTO | WALTER MAZZARRI – La commissione della Bela-Guttmann Academy non ha avuto dubbi. Lo “sfigato dell’anno” è l’ex tecnico dell’Inter. Non appena verrà annunciato il suo nome, si scatenerà una pioggia torrenziale che si protrarrà fino al prossimo match dei nerazzurri. Se perderanno, la giustificazione sarà già pronta.

Cari “sfigati del lunedì”, buon anno! Forse… 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *