Gianpiero Farina
No Comments

Cerci vicinissimo al Milan: Inter beffata un’altra volta

Dopo Bonaventura, i rossoneri soffiano ai cugini l'ex ala del Torino

Cerci vicinissimo al Milan: Inter beffata un’altra volta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Giacomo Bonaventura, anch'egli, come Cerci, soffiato dal Milan ai cugini dell'Inter.

Giacomo Bonaventura, anch’egli, come Cerci, soffiato dal Milan ai cugini dell’Inter.

Le parole di Galliani suonavano come un avviso e un guanto di sfida. E sotto l’albero di Natale la beffa per l’Inter è arrivata: Alessio Cerci è a un passo dal Milan. Dopo Giacomo Bonaventura quest’estate i neroazzurri vedono svanire un altro obiettivo di mercato per mano dei cugini rossoneri.

SCAMBIO DI PRESTITI – Quindi, proprio a Natale, Milan e Atletico Madrid si scambiano con la formula del prestito Alessio Cerci e Fernando Torres, protagonisti di una prima parte di stagione tutt’altro che entusiasmante. Per l’attaccante spagnolo si tratta di un ritorno alla casa madre mentre il centrocampista azzurro, dopo 4 mesi deludenti in Spagna, ha la possibilità di dimostrare di essere ancora il giocatore della passata stagione. Un vero e proprio blitz quello di Adriano Galliani che, in un solo colpo, si er libera di un giocatore che non ha reso come ci aspettava, trova il sostituto di Honda che andrà in Coppa d’Asia e vince un altro derby di mercato. Pl’Inter una vera e propria beffa soprattutto dopo le parole di Mancini che si era sbilanciato sull’esito positivo dell’affare. La società di Thohir resta con un pugno di mosche. E non è la prima volta.

BONAVENTURA, LO “SCIPPO” ESTIVO – Era estate con il mercato in pieno fermento. Jack Bonaventura era l’ultimo tassello di mercato dopo Dodò, Medel, M’Vila ed Osvaldo per completare l’Inter di Walter Mazzarri ma la trattativa non andò a buon fine e con un blitz Adriano Galliani nell’ultimo giorno di mercato lo portò in rossonero. Ausilio, ds neroazzurro, giustificò l’esito negativo con la “scusa” della mancata cessione di Guarin smentendo l’ad del Milan che dichiarò di averlo sottratto ai cugini dopo il fallimento della trattativa per lo scambio Biabiany-Zaccardo. Proprio come Cerci. I derby di mercato per ora sono a tinte rossonere. Ma chissà che gennaio non offra ai neroazzurri la possibilità di prendersi qualche gustosa rivincita.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *