Dario Di Ponzio
No Comments

Psg, chi per il dopo Ibrahimovic?

Cominciano a girare i primi nomi attorno al dopo Ibrahimovic a Parigi. Diverse le sorprese...

Psg, chi per il dopo Ibrahimovic?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Al-Khelaifi, probabilmente per motivare un ambiente depresso dalla pesante sconfitta col Barcellona e gli ultimi deludenti risultati in Ligue 1, ha provato a scuotere l’ambiente parigino. Il presidente-sceicco del Paris Saint Germain infatti è stato chiaro riguardo l’ipotetico dopo Ibra, ammettendo che: “Nel 2016 il PSG prenderà un grande attaccante. Credo che la nostra società possa permettersi un operazione da 100 milioni di euro anche se questo vorrebbe dire concentrarsi su un unico grande obiettivo di mercato o una drastica riduzione del monte ingaggi”.

LE PRIME OPZIONI? – In Francia subito ci si è cominciati a sbizzarrire. France Football ha provato a tracciare una possibile shortlist di nomi per raccogliere l’eredità dello svedese e, in essa, a spiccare sono nomi delle 2 grandi della Liga, cioè Real Madrid e Barcellona. Il primo nome che fa fantasticare non poteva non essere Lionel Messi. La “pulga”, col contratto in scadenza nel 2018 e un ingaggio faraonico è subito il primo nome che ha cominciato a circolare insieme a Ronaldo, ma in entrambi i casi i rapporti con le piazze di Barcellona e Madrid rendono improbo una trattativa.

LE “SECONDE LINEE” – Suarez, Neymar, Di Maria, Pogba e Hazard. Il PSG nella ricerca di altri obiettivi come “uomini immagine” non si fa mancar nulla. Di tutti i nomi, quello su cui però la stampa francese sembra essersi indirizzata maggiormente sarebbe quello di Paul Pogba, reo di avere lo stesso procuratore di Ibrahimovic (quel Mino Raiola che tanto crea un rapporto di amore-odio con le società con cui collabora) e di essere anche il più “facilmente” raggiungibile all’apparenza. Se i primi 3 nomi appaiono difficili per motivazioni di squadra ed economiche (i primi 2 giocano in un club che ambisce ogni anno alla Champions mentre il terzo fa parte di un progetto che Van Gaal vuole indirizzare a lungo termine) gli altri 2 all’apparenza sembrerebbero più accessibili, nel caso di Pogba specialmente perchè la rivista francese ha definito la Juventus un club “destinato a non lottare per la vittoria della Champions, cosa che a lungo termine faciliterebbe la sua cessione”. Fantasie francesi e totoacquisti che però ad oggi interessano relativamente, visto che tra ottavi contro il Chelsea e inseguimento al Marsiglia il problema appare più il presente.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *