Gianpiero Farina
No Comments

Pagelle Inter-Lazio 2-2: Anderson è un folletto, il Mancio Santa Claus

La Lazio sfrutta le scelte assurde del tecnico nerazzurro e va al riposo sul 2-0. Nella ripresa la rimonta interista, per un pari che serve a pochi

Pagelle Inter-Lazio 2-2: Anderson è un folletto, il Mancio Santa Claus
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La Lazio fa e disfa e contro l’Inter finisce 2-2. La squadra di Pioli sfrutta le incertezze nerazzurre in avvio e vola sul 2-0 grazie ai gol di uno strepitoso Felipe Anderson. L’Inter paga le scelte assurde del suo allenatore, ma nel secondo tempo reagisce e acciuffa il pari. Kovacic inventa un gol pazzesco, mentre il 2 a 2 finale è firmato dal redivivo Palacio. Il pareggio forse non serve a nessuno, anche se la Lazio passerà un bel Natale al terzo posto, in compagnia di Napoli e Samp. Ecco i voti dei protagonisti, a cura di Simone Viscardi (Inter) e Gianpiero Farina (Lazio).

PAGELLE INTER (Simone Viscardi):

HANDANOVIC voto 5,5 – Due tiri in porta, due gol. Vero, Marad… Felipe Anderson calcia da due passi, ma soprattutto nella seconda rete si fa spiazzare senza nemmeno accennare l’intervento – IMPALLINATO

D’AMBROSIO voto 6 – Non sarà Maicon, ma è sempre il meno peggio tra i terzini interisti. Lascia la voragine sull’out di destra che spiana la strada al secondo gol di George Bes… Felipe Anderson, ma si fa perdonare appoggiando al Trenza il pallone del pari – SPONDA (dal 90′ CAMPAGNARO S.V.)

RANOCCHIA voto 5 – Bruciato dopo un minuto dallo stop a seguire di Leo Mes… Felipe Anderson, anticipato di testa nel duello che da il la al raddoppio laziale. Nella ripresa tiene bene e suona la carica, ma il danno è già fatto – COMPLICE

JUAN JESUS voto 6 – Sbroglia qualche situazione parecchio complicata, anche se va in difficoltà quando CR… FA7 lo punta. La sensazione è sempre quella che se avesse anche un paio di piedi sotto alle caviglie sarebbe un buon giocatore – SVIRGOLATO

NAGATOMO voto 6 – Inizia da ala sinistra, e solo la tipica educazione giapponese gli avrà evitato di mandare a quel paese il Mancio. Meglio da terzino, anche se ogni tanto continua a perdersi in qualche bicchierino di Sakè – KONICHIWA

KUZMANOVIC voto 6,5 – Non ha i tempi del pressing per fare il mediano davanti alla difesa, e Ledesma ha vita facile per tutta la prima frazione. Dirottato sul centrosinistra fa molto meglio, e la Lazio da quella parte non combina più nulla – BASSO

GUARIN voto 4,5 – Tocca 50 palloni, ne sbaglia 100. Sfiora il gol della domenica nel primo tempo, ma per il resto è una collezione di tiri in curva, passaggi ai biancocelesti e controlli approssimativi. Esce tra i fischi del pubblico, con buona pace di Vucinic e Branca – CARBONE  (dal 75′ BONAZZOLI voto 6,5 – Che personalità il ragazzino. Pennella la punizione che sfocia nel 2 a 2, spazza in rovesciata al limite della propria area. A fine partita: “Per l’Inter giocherei ovunque”. Lo tenete questo, vero? – SPAVALDO)

KOVACIC voto 7 – Il ragazzino col gol ci ha preso gusto. Mancini insegna che da calcio d’angolo possono nascere delle vere e proprie perle, lui fa tesoro e inventa un destro al volo che scombinerà le classifiche dei miglior gol del 2014, già pronte in ogni redazione – FERMATE LE ROTATIVE

DODO’ S.V. – Gioca – ça va san dire – per 44 minuti, ma è come se non l’avesse fatto. Da terzino si fa vedere solo per delle diagonali difensive al limite del grottesco, come ala d’attacco è impalpabile – INVOLUZIONE DARWINIANA (dal 44′ MEDEL voto 6 – Entra lui, e il centrocampo della Lazio saluta il banchetto. Pressa bene, interrompe le trame, blocca i rifornimenti alla punta. Ci voleva molto? – NORMALIZZATORE)

PALACIO voto 6 – Ci voleva la Lazio per far sbloccare il Trenza. Settima rete ai capitolini, e questa volta ha un gran peso specifico. Non tanto per il punto, quanto per il morale – TEL CHI!

ICARDI voto 5,5 – Ingabbiato nella morsa di Cana e De Vrij cerca un posto al sole abbassando il baricentro, ma quando poi la palla è crossata in mezzo lui non c’è mai – ESILIATO

All. MANCINI voto 4 – Rischia di buttare una partita oggettivamente non impossibile con una formazione a dir poco assurda. Nagatomo ala, Kuz mediano e Dodò in campo, roba da brividi. Riesce a rimediare strada facendo, ma nonostante la rimonta questi sono 2 punti buttati, non uno guadagnato – BABBO NATALE

Felipe Anderson, autore dei due gol della Lazio.

Felipe Anderson, autore dei due gol della Lazio.

PAGELLE LAZIO (Gianpiero Farina):

MARCHETTI 6 – Decisivo su Guarin e Kuzmanovic. Potrebbe fare qualcosa di più sul gol del momentaneo 1-2 di Kovacic ma salva la beffa del 3-2 su un colpo di testa del croato.

BASTA 5,5 – I pericoli arrivano tutti dalla sua parte. Un passo indietro rispetto alla sfida con l’Atalanta.

DE VRIJ 6,5- Di un altro livello. Annulla gli attaccanti dell’Inter soprattutto nella prima frazione. Il più grande acquisto della Lazio negli ultimi anni.

CANA 6 – Prestazione attenta e senza sbavature.

RADU 6,5 – Un grandissimo primo tempo dove partecipa all’azione del primo tempo e tocca un’infinità di palloni facendosi trovare pronto anche in difesa. Cala alla distanza.

PAROLO 5,5 – Fa molti inserimenti ma non ha mai il pallone giusto. Sparisce nella ripresa.

LEDESMA 6,5 – Gioca con la testa e con il cuore. A volte fa il difensore aggiunto arretrando in area di rigore (dall’81’ Gonzalez sv).

LULIC 6 – Corre, lotta e si impegna tantissimo ma sbaglia un’infinità di palloni (dal 64′ Onazi 5,5 – entra e dopo pochi minuti la Lazio prende gol. Commette il fallo da cui nasce il pari. Impatto troppo negativo sulla partita).

FELIPE ANDERSON 7,5 – Sicuramente il migliore in campo di Inter-Lazio. Un primo tempo stratosferico dove impiega un solo minuto per buttarlo dentro. Concede il bis con un contropiede da vero fuoriclasse. Si e sbloccato e sembra non volersi fermare più.

KLOSE 5,5 – Torna titolare dopo quattro partite. Non è mai pericoloso ma cerca di dare tutto in generosità rischiando anche il secondo giallo a fine primo tempo (dal 56′ Djordjevic 5,5 – entra quando la Lazio è tutta in difesa. Nel finale ha la palla del 2-3 ma la sbaglia).

MAURI 5 – Il peggiore in campo. Dopo la grande prestazione con l’Atalanta, serata opaca per il capitano laziale che non entra mai veramente in partita.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *