Orazio Rotunno
No Comments

Conte e la Nazionale che non conta: l’indifferenza dei club

Duro sfogo di Antonio Conte, l'ennesimo segno di insofferenza verso l'indifferenza dei club per la Nazionale Italiana

Conte e la Nazionale che non conta: l’indifferenza dei club
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Antonio Conte è Ct della Nazionale Italiana da qualche mese, ma sono già diversi i segnali di insofferenza mostrati nel corso delle settimane: su tutti, l’indifferenza dei club verso i problemi della Nazionale e le difficoltà nel costruire un progetto a ritmi alterni (prossimi impegni ufficiali previsti a marzo). In un’intervista rilasciata a Rai Sport l’ex Juve è tornato sull’argomento, piuttosto duramente: “E’ un periodo molto, molto critico. Abbiamo toccato il fondo, ma io dico che non è finita… Possiamo ancora scavarlo“.

Alle parole preferisce i fatti, da sempre: “Se i buoni propositi rimangono solo a parole servono a poco, io sono uno a cui piacciono i fatti… che sia Natale o Capodanno o Pasqua… Meglio agire piuttosto che parlare e spesso si parla a vanvera, si promette, ma alla fine sono in pochi a fare i fatti“. Sugli obiettivi futuri ed il rapporto coi club  è chiaro, “Questa collaborazione ci deve essere perché sono importanti i club, ma è importante la Nazionale… La nazionale è di tutti, non bisogna mai dimenticarlo. Io perseguo obiettivi che riguardano tutti, perché sono abituato a pensare con il noi e non con l’io. I successi si costruiscono insieme, da squadra“.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *