Jacopo Bertone
No Comments

Nba, i risultati della notte: cade Golden State, colpaccio dei Grizzlies

La notizia è che Steph e la sua truppa sono stati sconfitti da Memphis , ma la notte Nba ha riservato tanti altri spunti interessanti e qualche sinistra conferma

Nba, i risultati della notte: cade Golden State, colpaccio dei Grizzlies
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Sono andate in scena 6 partite nell’ultima sorprendente notte Nba, il campionato dove, si sa, “everybody makes a run“. La classifica non si muove granchè, ma le posizioni si consolidano ancora di più e si potrebbero già abbozzare i primi giudizi.

John Wall, la sua ennesima doppia doppia trascina Washington alla vittoria nella notte Nba

John Wall, una delle point guard più forti dell’Nba

I RISULTATI – La vittoria più eclatante è senza dubbio quella dei Memphis Grizzlies che hanno battuto gli invincibili (?) Warriors per 105-98, merito del solito e ineffabile Marc Gasol autore di una partita da 24 punti, 7 rimbalzi e 3 assist, fondamentale per annichilire una Golden State mai doma che nell’ultimo quarto ha tentato comunque di rientrare guidata dagli “splash brothers“, senza riuscire nell’impresa di espugnare la “Grindhouse”. Rimanendo nella parte alta della classifica, importante sottolineare le vittorie di Dallas (107-87 contro i derelitti Knicks) e di Washington (che si è imposta per 109-95 ai danni dei Timberwolves), le quali si confermano più che mai squadre con ambizioni importanti, con un John Wall e un Monta Ellis assolutamente devastanti che nonostante la differente età sembrano entrambi aver messo a bada gli eccessi del proprio smisurato talento. Da segnalare la risalita degli Oklahoma City Thunder i quali, dopo il ritorno di Batman & Robin, si sono decisamente ripresi (e ci mancherebbe altro!) issandosi fino al nono posto della Western Conference e che nella notte hanno messo a segno il settimo successo consecutivo per 104-92 sul campo di una Sacramento non più scintillante come a inizio stagione, complice anche l’assenza di Cousins e una situazione tecnico-societaria non idilliaca. Vittoria scaccia-crisi anche per i Miami Heat, che hanno la meglio per 95-91 contro dei seri rivali alle posizioni meno nobili dell’Est, i Brooklyn Nets. Chiudiamo con New Orleans, la squadra del ciglione più forte del mondo, autore dell’ennesimo trentello stagionale che consegna alla squadra il successo in rimonta ai danni dei giovanissimi Utah Jazz, il cui  futuro appare comunque molto più radioso di quanto possa sembrare.

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *