Vincenzo Galdieri
No Comments

Pagelle Copenaghen-Torino 1-5: Martinez meraviglia, Amauri leader

I granata strabiliano in Danimarca - complici anche due espulsioni inflitte ai padroni di casa - e dilagano: il sogno europeo continua

Pagelle Copenaghen-Torino 1-5: Martinez meraviglia, Amauri leader
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Darmian Torino Milan Roma

Il Torino va ai sedicesimi di Europa League: il sogno continua

Il Torino c’è. E si vede. Un 5-1 spettacolare a Copenaghen sancisce il passaggio del turno in Europa League. In grande, grandissimo stile. Mattatore è Martinez, che segna due gol e sprigiona tutto il suo talento. Amauri, autentico trascinatore, segna il gol del sorpasso. Chiudono i conti Darmian e Silva. Il bello arriva adesso: a febbraio, nei sedicesimi di Europa League, il Torino ci sarà.

LE PAGELLE DI COPENAGHEN-TORINO

TORINO

PADELLI 6 – Incolpevole sul gol subito, per il resto osserva.

MORETTI 6 – Guida la difesa con grande autorevolezza ed autorità.

GLIK 6 – Sfortunato sul gol-autogol, poi gara di grande attenzione fino al relax totale della ripresa.

SILVA 6,5 – In chiaroscuro. Erroraccio in occasione dello 0-1, ma gran gol del 5-1 e vari assist dispensati nel secondo tempo. Bene, in fin dei conti.

BOVO 6 – Se la cava in un ruolo non suo.

GAZZI 6,5 – Fondamentale in questo Torino, per sagacia tattica ed intelligenza nel distribuire i palloni. Imprescindibile.

DARMIAN 7 – Sta diventando un esternone. A parte il gol di pregevolissim-issima fattura, corre e crea occasioni continue. Sta crescendo anche in personalità, oltre che sotto il profilo tecnico-tattico. Sempre meglio, le big ormai ci hanno messo più di un occhio e mezzo.

EL KADDOURI 6,5 – Fosse un po’ più continuo sarebbe un gran bel giocatore. Tecnica sopraffina ed anche grandi idee, ma ogni tanto si eclissa. Dal 67′ GRAZIANO 6 – Esordio nella serata di festa.

AMAURI 7,5 – La seconda giovinezza. Il palcoscenico dell’Europa League lo esalta e gli è affine: ricordiamoci che era presente e protagonista qualche anno fa, quando la Juve espugnava il Bernabeu. Le coppe europee gli restituiscono vigore e questa avventura continentale col Torino la vede come un’occasione di riscatto per una carriera che ad un certo punto prometteva decisamente di più. Corre, si sbatte, crea occasioni, trascina i suoi con carisma ed esperienza. Segna su rigore ed esulta come un pazzo: si, Amauri a Torino se la sta proprio godendo.

MARTINEZ 8,5 (IL MIGLIORE) – Due gol, talento cristallino e uomo ovunque. Ne sfiora un terzo. Colpaccio, forse. Ventura ora dovrà dargli più spazio: se lo merita. Dal 63′ QUAGLIARELLA 6 – Prova a segnare senza fortuna. E’ stato spesso risparmiato in questa prima fase dell’Europa League, ma dai sedicesimi in poi la musica cambierà e quasi sicuramente sarà protagonista: il Torino l’ha preso per questo.

All. VENTURA 7 – Il Torino ha quasi vita facile, perchè i danesi fanno harakiri. Ma lui già dopo lo 0-1 predica calma: i suoi recepiscono e rimontano. L’impresa del passaggio del turno era alla portata, visto il livello non superlativo degli avversari. Ora arriva il bello: il popolo grnata è pronto a divertirsi, il ritorno tra i grandi d’Europa è una favola.

COPENAGHEN: Andersen 5,5; Hogli 6, Antonsson 4,5, Jorgensen 4,5, Amartey 6; Amankwaa 5,5, Claudemir 5 (77′ Lindberg sv), Delaney 6,5, Toutouth 5,5; N. Jorgensen 5,5 (84′ Felfel sv), De Ridder 4,5 (87′ Brandur sv)

Vincenzo Galdieri (Twitter: @Vince_Galdieri)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *