Gianmarco Calfa
No Comments

La regina d’Europa? La strada riparte da Nyon

Lunedì a Nyon il sorteggio definirà gli ottavi di finale di Champions League, una sola vincerà l'edizione 2014-2015

La regina d’Europa? La strada riparte da Nyon
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Chi sarà la prossima regina d’Europa? Il sorteggio di lunedì a Nyon segnerà la via maestra per la 16 squadre qualificate agli ottavi di finale di Champions League che si contenderanno il titolo. A prescindere dall’esito appare chiaro che nella lista delle contendenti ce ne siano alcune che emergono dal gruppo risultano essere le favorite. Un’analisi di primo acchito tirerebbe le conclusioni troppo rapidamente, parliamo del trio Bayern MonacoReal Madrid-Barcellona.

uguale alla didascalia

Il Bayern una delle grandi favorite di questa Champions League

Chiaro che queste super potenze calcistiche sono le pretendenti dal titolo, ma un sorteggio sfortunato potrebbe opporle a delle squadre toste quali Arsenal,Manchester City e Psg. Per certo il Real Madrid le potrebbe incontrare tutte e tre dato che non sono squadre della stessa nazione o dello stesso girone; Barcellona e Bayern Monaco non potranno incontrare rispettivamente Psg e Manchester City. Da notare a livello statistico , come ho già scritto riguardo Inter e Milan, che l’influenza economica e tecnica si sia spostata su altri campionati continentali: la Liga porta agli attavi tre squadre fortissime: Atletico Madrid, Barcellona e Real Madrid possono essere tutte delle favorite al titolo di Regina, la Bundesliga fa l’en-plein come ha detto la Gazzetta dello Sport oggi con Bayern Monaco, Bayer Leverkusen, Borussia Dortmund e Schalke 04 e ha almeno una squadra che può puntare al titolo e la Premier League ha tre squadre come Arsenal, Chelsea e Manchester City a tenere alto l’onore del campionato della Regina, ricordando come Mourinho nelle competizioni che contano è uno stratega formidabile, quindi oltre alla sorpresa Basilea, i risultati dagli ottavi in poi potrebbero essere sorprendenti.

Il Manchester City e la Juventus appaiono un gradino sotto, i Citizens perché hanno mostrato troppa discontinuità durante il girone pareggiando entrambe le volta con il CSKA Mosca anche se ha grande organico, la Juventus perché ha portato a casa la qualificazione con prestazioni che non hanno convinto gli addetti ai lavori, in un girone nel quale poteva fare la voce grossa ha rischiato fino all’ultimo minuto di uscire a discapito dell’Olympiacos, offrendo anche prestazioni non elevatissime contro Malmo e con l’Atletico Madrid al ritorno.

Le altre restano gregarie di un gruppo di squadre fortissime: il Monaco dell’italiano Raggi non pare un avversario temibile nonostante i pochi gol subiti; lo Shakhtar Donetsk in casa è tosta, segna molto ma le squadre più titolate dovrebbero passare anche in terra ucraina, infine il Porto di Jelson Martinez  e l’Athletic Bilbao sono squadre solide ma soprattutto i baschi sono stati discontinui durante il girone.

Le favorite al titolo di Regina: Bayern Monaco, ha un palleggio straordinario, giocatori forti come Thomas Muller e Lewandowski, un Ariel Robben ancora in forma, in un periodo di lustro del calcio tedesco può giocarsela alla pari con il Real Madrid, altra squadra fenomenale che se potrà impiegare Gareth Bale a tempo pieno insieme a Cristiano Ronaldo diventerà l’assoluta favorita per diventare la Regina continentale, grazie anche all’apporto tecnico di Carlo Ancelotti. Il Barcellona è la terza favorita, sta recuperando con Suarez e un Messi stimolato dalla sfida a suon di goal con Cristiano Ronaldo, ma in una sfida che definirei “clàsica” parte svantaggiato. Non abbiamo parlato del Chelsea, ma come già detto Mourinho ha gli uomini giusti e Diego Costa è un attaccante formidabile, può fare paura anche alle grandi a Stamford Bridge.

Riassumendo, una Champions League che nonostante possa apparire già indirizzata verso le tre potenze sopracitate, può riservarci delle sorprese in ogni partita fino ad arrivare a dirci chi sarà la prossima Regina d’Europa.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *