Marco Tringali
No Comments

A1: Venezia ancora leader in classifica, Milano espugna Sassari

I veneziani si impongono a Pesaro soffrendo nel finale, mentre le scarpette rosse vincono il tiro al bersaglio contro Sassari in un appassionante testa a testa

A1: Venezia ancora leader in classifica, Milano espugna Sassari
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Continua la marcia solitaria in vetta della Reyer Venezia che fatica più del dovuto ad avere la meglio su Pesaro, rischiando di dilapidare, in una quarta frazione da incubo, ben 21 punti di vantaggio accumulati nelle prime 3 frazioni, riuscendo a frenare solo al suono della sirena il miracoloso recupero dei marchigiani capaci di infliggere alla capolista un parziale di 34-14.

Alla fine la prima della classe si aggiudica l’incontro sul parquet pesarese per 90-89, grazie ad una prova maiuscola di Hrvoje Peric che mette a referto 25 punti tirando con la media del 75% dal perimetro. LaQuinton Ross non è stato da meno mettendo a segno 23 punti e catturando 9 rimbalzi.

Spettacolare il testa a testa ad alto contenuto adrenalinico tra Sassari e Milano conclusosi con l’affermazione corsara dei meneghini con un punteggio da nba per 112-111. Una gara senza esclusione di colpi, dove i sardi si sono fatti preferire solo nella prima parte, ma che Milano ha portato a casa grazie alle straripanti percentuali al tiro di Samuels (23 punti), Brooks (25 punti col 100% dal perimetro) e Kleiza (21 punti), in un tiro al bersaglio appassionante nel quale gli uomini di Sacchetti hanno risposto con i 32 punti messi a referto da Sanders e i 19 di Lawal e Dyson.

Un successo che consente agli uomini di coach Banchi di appaiare al secondo posto Reggio Emilia, che ha sconfitto sul proprio campo Capo d’Orlando per 77-65, grazie all’ennesima prestazione da incorniciare di Polonara capace di catturare ben 14 rimbalzi e ad una prestazione da mvp di Amedeo Della Valle che mette a referto 25 punti, risultando l’uomo chiave per scardinare la difesa siciliana.

Risorge Varese che coglie a Brindisi un successo prestigioso, il terzo stagionale, per 71-69 grazie ad una maestosa prestazione al tiro dall’arco di Rautins  che dalla lunga distanza mette a referto un eloquente 7/11. Decisiva l’ultima frazione nella quale i varesini con un parziale di 23-13 hanno rimontato il +8 con il quale i pugliesi conducevano alla fine del terzo quarto.

Altro successo esterno di giornata, a sorpresa, è quello colto da Pistoia sul campo della Vitasnella Cantù per 80-76. I toscani bissano il successo interno conquistato contro Roma grazie ad una prestazione al tiro sopra le righe di Gilbert Brown (25 punti e 6 rimbalzi in 22 minuti) e i 13 rimbalzi sotto canestro di Linton Johnson, mentre non bastano ai lombardi i 19 punti e 7 assist di Johnson-Odom.

Vittoria interna di misura della Granarolo Bologna per 77-76 sulla Sidigas Avellino con 19 punti di Ray e i 13 di Gaddy, che consentono ai felsinei di agganciare a metà classifica proprio i campani con il quarto successo stagionale. L’Acea Roma affonda Cremona sul proprio Palazzotto per 63-50 in una gara dove i temi prevalenti sono stati il dominio delle difese e il vantaggio costante che i capitolini hanno saputo ben amministrare per tutta la durata dell’incontro. In evidenza Morgan Jordan con i suoi 12 rimbalzi catturati e i 16 punti di Bobby Jones per la formazione allenata da Luca Dal monte.

Nel posticipo ennesima sconfitta stagionale per  Caserta ancora ferma a zero nella casella dei successi, che perde sul proprio parquet per 90-88 per mano della sorprendente Trento. Ai campani non basta uno stratosferico Sam Young capace di mettere a referto la bellezza di 35 punti e 9 rimbalzi, al quale hanno risposto i trentini Tony Mitchell con 28 punti e 7 rimbalzi e Josh Owens, che a referto mette a segno 22 punti. Per la matricola trentina quinto successo stagionale e titolo di rivelazione di questa prima parte di stagione.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *