Antonio Casu
4 Comments

Il lato oscuro dei social: Magalli e Morandi rivoluzionano il web

Hanno invaso le bacheche di Facebook con il loro volto sorridente. C'è chi ha studiato una strategia perfetta per fermare il tempo e chi, invece, non ha fatto nulla, ma ha ottenuto lo stesso risultato

Il lato oscuro dei social: Magalli e Morandi rivoluzionano il web
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il tempo scorre velocissimo sui social network, ma non per loro. L’ansia della contemporaneità, pressata continuamente da un passato che diventa subito tale, ha portato buona parte delle persone a vivere in simbiosi con le piattaforme comunicative dell’ultima generazione. Ma quei due sono un discorso a parte. Se si fosse detto qualche mese fa, sarebbe stato assurdo crederci, ma Gianni Morandi e Giancarlo Magalli non sono solo due storie vincenti dei social: Magalli e Morandi costituiscono l’anima pulsante dei social italiani.

Un simpatico fotomontaggio di Giancarlo Magalli che spopola sui social

Un simpatico fotomontaggio di Giancarlo Magalli che spopola sui social

LA STAR INVOLONTARIA – Il caso più strano è quello di Giancarlo Magalli. Il simpatico conduttore tv, volto nazional-popolare amato prevalentemente dalle casalinghe di Voghera, rassicurante e allo stesso tempo un po’ cinico, spopola da mesi sul web senza aver fatto nulla. Magalli è stato semplicemente Magalli e i social non li usa nemmeno. Però è diventata una star amatissima dai giovani. Il motivo? Un articolo, pubblicato dal sito satirico Ioco, in cui viene riportata la storia (ovviamente falsa) di un’ottantenne bergamasca, Adriana Lupo, ossessionata da Magalli a tal punto da obbligare il marito a girare nudo per casa con addosso unicamente una maschera con le fattezze del conduttore. Il pezzo ha fatto il giro del web, portando inoltre alla nascita di diverse pagine Facebook dedicate a Magalli (“Ma quanto c***o è bello Magalli” e “Magalli, Magalli ovunque”,  giusto per citare le due più cliccate). Il volto serafico del personaggio televisivo si è trasformato (ironicamente, sia chiaro) in un simbolo di trasgressione, virilità e avvenenza sessuale. Magalli, dal canto suo, è stato al gioco e ha partecipato recentemente ad una puntata della webserie “The Pills”.  Nell’episodio in questione, il romano indossa goffamente degli abiti giovanili, utilizzando un linguaggio gergale, contemporaneo e scurrile. Se finisse sotto gli occhi della casalinga di Voghera, Magalli perderebbe una spettatrice affezionata. Fatti suoi, per una volta. Magalli vive, sopravvive ed è addirittura tornato giovane. Magia dei social.

LA LEGGEREZZA DI GIANNI MORANDIIl fenomeno Morandi è per certi versi molto più semplice da comprendere, ma per altri risulta essere ancora più complesso. Il cantautore di Monghidoro, monumento della storia della musica italiana, ha fatto quello che fanno tantissimi personaggi del mondo dello spettacolo: creare una pagina Facebook. Ma lui l’ha fatto con rara sapienza. Ha portato sui social la leggerezza di un settantenne qualunque, dotato però di poteri speciali. Morandi è capace di farsi un  semplice autoscatto  col caffè in mano ed essere comunque speciale. Morandi pota le siepi di casa, trascorre le serate con i nipoti o Red Ronnie, cucina abilmente e butta la spazzatura come un marito modello. La sua vita è documentata da foto perfette, senza ombre, che scandiscono i momenti della giornata. Allo stesso tempo, risponde personalmente a tutti i fan, qualunque sia la domanda posta. Morandi è il divo antidivo per antonomasia, e per questo è tanto popolare quanto pochi altri personaggi italiani. Morandi piace perché è un padre perfetto, un nonno impeccabile, il marito che sognano molte donne ed un perbenista gradevole. E poi è pure maratoneta. Che altro gli si può chiedere? Nulla. Per questo ha più di un milione di fan. Gli italiani lo sentono vicino perché rassicura, porta serenità e gioia. Morandi è vita nella sua essenza più positiva. La sua pagina è un dolce rifugio dallo stress legato ai ritmi frenetici delle nostre vite. Anche stavolta, magia dei social.

STORIE DIVERSE, MEDESIMO RISULTATO – Magalli e Morandi non hanno niente in comune, ma entrambi hanno fermato il tempo, facendo un patto col Diavolo per ottenere l’eterna giovinezza. I social network, popolati principalmente dalla generazione web,  hanno trovato due idoli da amare, osannare, invidiare e prendere in giro. Ci si può interessare alle due star per i motivi più disparati, ma, volenti o nolenti, prima o poi si fa.   Se si vuole (talvolta, anche se non si vuole), non si invecchia mai.  Magia dei social, per la terza volta. Una raccomandazione: l’elisir non è per tutti, solo uno su mille ce la fa.  Al massimo due. Quello sorridente col caffè in mano, e quell’altro, improbabile amante di Miley Cyrus.

 

Share Button

4 Responses to Il lato oscuro dei social: Magalli e Morandi rivoluzionano il web

  1. Modestino Picariello 5 dicembre 2014 at 20:04

    Splendido! Ahahahah

    Rispondi
  2. Antonio Casu 5 dicembre 2014 at 20:18

    Ti ringrazio!

    Rispondi
  3. Antonio 8 dicembre 2014 at 9:20

    In effetti, è rassicurante la foto di Morandi che si versa una tazzina di caffè.
    Mentre Morandi è attivo sui social networks, Magalli non li usa, come si legge. In quei giorni in cui Magalli era tra le tendenze di Twitter avevo fatto delle veloci ricerche: non era tanto per la bufala del marito con la maschera di Magalli, ma per un “accordo” tra utenti con tanti follower che hanno iniziato una twit-storm a tema, ricompensando con RT e stelline i follower che vi partecipavano. La bufala non era linkata ed era on-line già da settimane.

    Rispondi
    • Antonio Casu 10 dicembre 2014 at 12:56

      La ringrazio per l’informazione, non ne ero a conoscenza.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *