Kevin Brunetti
No Comments

Nba, i risultati della notte: sfida tra aspiranti MVP, ma a vincere è Golden State

Stephen Curry contro Anthony Davis, la sfida più attesa della notte Nba si è chiusa con una netta vittoria dei GSW. Escono vittoriose anche Portland e Cleveland

Nba, i risultati della notte: sfida tra aspiranti MVP, ma a vincere è Golden State
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Una battaglia tra aspiranti MVP, questo è il riassunto della notte Nba appena conclusa. Golden State contro New Orleans, Warriors contro Pelicans… Steph Curry contro Anthony Davis. Steph è uscito dal palazzetto con la W, ma Davis ha messo in campo una prestazione da incorniciare, l’ennesima di questa stagione.

Altra serata da 30+15 per Anthony Davis, da solo però non può evitare la sconfitta dei suoi Pelicans

Altra serata da 30+15 per Anthony Davis, da solo però non può evitare la sconfitta dei suoi Pelicans

MVP – Con LeBron leggermente appannato e Durant appena rientrato, i due maggiori concorrenti al titolo di MVP della Regular Season Nba non sono quelli che ci saremmo aspettati qualche mese fa. A giocarsela per il momento sono Davis e Curry, le medie di entrambi sono impressionanti: Anthony Davis tira con 56,8% dal campo e ha una media di 25,2 punti, 11,5 rimbalzi e 2,3 palle rubate a partita. Curry invece tira con il 49,3% con una media di 23,4 punti, 7,8 assist, 5,1 rimbalzi e 1,9 palle recuperate a partita. Da due superstar di questo calibro messe a confronto ci saremmo aspettati un grande spettacolo, e così è stato. Steph ha trascinato Golden State alla vittoria con 19 punti e 11 assist, Davis non ha potuto far niente per evitare la sconfitta, ma ha messo a referto 30 punti (degli 85 totali dei Pelicans) e 15 rimbalzi. La sfida per il titolo di MVP è quindi più che mai aperta, mettetevi comodi, lo spettacolo non finisce qua.

CAVALIERS E TRAIL BLAZERS – Le altre due gare della notte Nba hanno visto i successi dei Cleveland Cavaliers e dei Portland Trail Blazers, a pagare dazio sono state New York e Indiana. I Knicks sono caduti al Madison Square Garden sotto i colpi di un indiavolato Kyrie Irving (37 punti per lui), molto male Carmelo Anthony che ha chiuso con 9 punti e 4/19 al tiro. Sull’altro campo continua la cavalcata di Portland che non si ferma più e raccoglie l’ennesima vittoria. Niente da fare quindi per i Pacers che crollano davanti al duo Lillard-Aldridge, da segnalare per Indiana ci sono le prestazioni di Stuckey, Hill e West… Ma quanto manca Paul George.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *