Antonio Casu
No Comments

Altro che Italia-Germania 4-3: Cagliari e Modena regalano il match dell’anno

I sardi eliminano gli emiliani dalla Coppa Italia dopo un match folle. 9-8 il risultato finale (4-4 ai supplementari). Doppiette di Longo e Granoche

Altro che Italia-Germania 4-3: Cagliari e Modena regalano il match dell’anno
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Non appena ci si domanda che senso abbia la vecchia, noiosa, Coppa Italia, arriva quel pazzo di Zeman e diventa il principale artefice del match dell’anno. Sembra impossibile che l’abbiano regalata Cagliari e Modena in un anonimo giovedì sera di inizio dicembre, ma è così. Prevalgono i sardi ai rigori dopo un match folle, concluso 2-2 ai tempi regolamentari e 4-4 ai supplementari. 9-8 il risultato finale.

Il Cagliari elimina il Modena dalla Coppa Italia dopo un match folle

Il Cagliari elimina il Modena dalla Coppa Italia dopo un match folle

CRONACA DI UN MATCH FOLLE – L’assioma di Zdenek Zeman è il seguente: “Non è importante quanti gol si prendono, conta farne uno in più dell’avversario”. Stavolta ha esagerato. Il Sant’Elia (quasi pieno grazie al bassissimo costo dei biglietti) assiste alla prima rete dopo pochi minuti, grazie al gol rocambolesco di Beltrame, che approfitta di un intervento sfortunato di Cragno. 0-1 e pallone al centro. I modenesi, nonostante giochino in Serie B, tengono testa al Cagliari e controllano abbastanza agevolmente il vantaggio. Zeman, insoddisfatto dall’atteggiamento dei suoi, sostituisce Caio Rangel con Farias alla mezzora. I risultati si vedono subito. Il Cagliari ha più brio, tiene il pallino del gioco, ma non riesce ad incidere. Il primo tempo finisce così, ma nessuno immagina che questo sarà solo il primo dei tanti capitoli dell’incontro.

IL CAGLIARI INSEGUE SEMPRE  – Nella ripresa il Cagliari trova il pareggio con un rigore di Conti, però ritrova lo svantaggio pochi minuti dopo, causato da una dormita collettiva della difesa che favorisce l’1-2 di Luppi. Tutto finito? Macché. A tempo quasi scaduto, al terzo minuto di recupero, il subentrato Longo decide che 90′ sono troppo pochi per un Cagliari-Modena qualunque. 2-2 ed un nuovo capitolo da scrivere. Come se non bastasse, nei supplementari succede di tutto. Gli emiliani trovano per altre due volte il vantaggio grazie ad una doppietta dell’indemoniato Granoche (non lo chiamano El Diablo per caso), ma il Cagliari è ancora più pazzo e riacciuffa per altre due volte il pari. Prima segna Longo, che ricorda di essere uno dei giovani più talentuosi del calcio italiano, e  poi Farias all’ultimo secondo dei supplementari. Ancora una volta in extremis. Per il Modena sarà necessaria una seduta collettiva da un ottimo psicologo, ma prima si devono battere i calci di rigore.

UN DEGNO FINALE – Il Cagliari non vuole saperne di andare in vantaggio e Conti sbaglia subito. Per fortuna dei sardi, sbagliano anche Gatto e Osuji (oltre a Crisetig). 7-7. Può bastare? No, il match continua con altri quattro rigori. L’ultimo errore, quello decisivo, è di Cionek, che si fa respingere il pallone da Cragno e consegna agli annali un match dai toni epici. Il Sant’Elia esplode manco fosse una finale di Champions League, mentre il Modena esce dal campo a testa altissima. Il match dell’anno finisce così. E dire che la partita del secolo si era fermata “solo” sul 4-3. Quanto è bello il calcio, quanto è pazza Zemanlandia.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *