Kevin Brunetti
No Comments

Nba, il quintetto della notte: Michael Carter-Williams suona la carica, Lowry da brivido

Michael Carter-Williams fa il suo primo ingresso nel nostro quintetto della notte dopo la vittoria di Philadelphia. Onnipresenti Pau Gasol e Kyle Lowry

Nba, il quintetto della notte: Michael Carter-Williams suona la carica, Lowry da brivido
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

La sorpresa (ma neanche tanto) della notte è la sconfitta dei Minnesota Timberwolves.. Il fatto di per sè non sarebbe niente di speciale, ma lo è per i loro avversari: i Philadelphia 76ers. Per la franchigia della Pennsylvania infatti questa è la prima vittoria stagionale, il record adesso è “solo” di 1-17. A trascinare i suoi ci ha pensato il giovane Carter-Williams che ha sfiorato la tripla doppia. Oltre a lui si meritano il posto in quintetto anche Mirza Teletovic, autore di una super prestazione contro gli Spurs, Kyle Lowry e Pau Gasol, ormai onnipresenti in questa rubrica… E infine Tyson Chandler, decisivo nella vittoria dei suoi Mavs.

Michael Carter-Williams (20+9+9): L’ex play di Syracuse University tira fuori dal cilindro una prestazione da fenomeno, seppur contro avversari non eccelsi. Venti punti, nove rimbalzi e nove assist… Tripla doppia solo sfiorata per Carter-Williams, ma la prestazione rimane da applausi, soprattutto perchè porta ai Sixers la prima vittoria stagionale. 

Kyle Lowry (39+4+5): Ormai potremmo quasi inserirlo nel quintetto della notte senza neanche verificare la sua prestazione, Lowry è il cuore e l’anima di questi Raptors, soprattutto ora che manca un certo DeMar DeRozan. Lowry sopperisce all’assenza del compagno prendendo più tiri e mettendoli dentro (13/22 in nottata), ben 39 punti a referto e ennesima vittoria per Toronto.

Pau Gasol, rigenerato dalla FIBA World Cup è tornato la superstar che avevamo ammirato nei primi anni a LA

Pau Gasol, rigenerato dalla FIBA World Cup è tornato la superstar che avevamo ammirato nei primi anni a LA

Pau Gasol (19+3+15): A Chicago ha ritrovato la sua dimensione, il Pau Gasol triste e demotivato visto negli ultimi 1/2 anni di Los Angeles non esiste più. Pau è tornato il lottatore che ha sollevato il Larry O’Brien nel 2010 al fianco di Kobe Bryant. Il Mamba è rimasto a lottare in giallo-viola, ma Gasol con la canotta dei Bulls sta mettendo in fila una serie di prestazioni strepitose… E se anche Rose tornasse al top ci troveremmo indubbiamente davanti a una contender.

Mirza Teletovic (26+2+15): Non è un habitué di questa rubrica, ma la prestazione di Mirza Teletovic contro i San Antonio Spurs (non proprio gli ultimi arrivati) meritava una sottolineatura. Ventisei punti a referto con 9/13 al tiro, inoltre va aggiunto un dominio a rimbalzo con 15 palloni raccolti. La coppia Lopez-Teletovic ha senza dubbio funzionato al meglio (15 rimbalzi anche per Brook), e gli Spurs hanno dovuto arrendersi a questi Nets.

Tyson Chandler (18+0+20): Il buzzer beater è del solito Monta Ellis, ma oggi preferiamo fare spazio in quintetto a Chandler. Diciotto punti e addirittura venti rimbalzi, Tyson domina sotto al ferro mettendo le mani su tutto quello che arriva a portata, la statistica di fine partita è impressionante: i Bucks hanno raccolto 39 rimbalzi come squadra, i Mavs 46… Chandler da solo ne ha portati a casa 20, dominatore. 

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *