Simone Viscardi
No Comments

Nba, quintetto della notte: che Irving! Durant torna ma non basta

Durant ne mette 27, ma i Thunder sono comunque sconfitti. Il play dei Cavs da spettacolo nella notte Nba con LBJ e Love

Nba, quintetto della notte: che Irving! Durant torna ma non basta
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tra le migliori notizie della notte Nba abbiamo il ritorno al campo di Kevin Durant, anche se il numero 35 non riesce a portare una vittoria ai suoi Oklahoma City Thunder. A comandare il team è Kyrie Irving, insieme a una banda di allegri sfondaretine. Scopriamoli insieme.

KYRIE IRVING (CAVALIERS) – I FabThree di Cleveland mettono a referto un bottino di 81 punti, risultando determinanti ai fini del successo – comunque sofferto – ai danni di Milwaukee. I Bucks di questa stagione non guardano in faccia a nessuno, ma con un Irving così in palla i Cavs possono giustamente mettersi alle spalle un inizio negativo, continuando la lenta risalita verso i piani nobili della Conference. L’intesa col Prescelto cresce, e di riflesso le performance dell’intera franchigia dell’Ohio.

Kevin Durant, punta di diamante dei Thunder

Kevin Durant, punta di diamante dei Thunder

MONTA ELLIS (MAVERICKS) – Vero, le sue percentuali al tiro (meno del 50%) non sono quelle di una serata da cecchino, ma ha il merito con i suoi 38 punti di trascinare Dallas al supplementare – grazie a 3 tiri liberi allo scadere – e di portarla poi a vincere con la tripla decisiva. Magari è poco continuo all’interno della gara, ma quando c’è bisogno si fa sempre trovare prontissimo e con la mano calda. Chicago, colpita e affondata, non può fare altro che inchinarsi.

GORAN DRAGIC (SUNS) – Certe notti la mano è calda, e dove va la palla lo decide lei. Certe notti Dragic è meraviglioso. Con 22 punti nel solo primo tempo (34 totali), il giocatore di Phoenix demolisce pezzo per pezzo le resistenze e le speranze degli Indiana Pacers. Senza Isaiah Thomas, sono lui e Bledsoe a caricarsi il peso offensivo dei Suns sulle spalle, e i risultati per coach Hornacek sono più che apprezzabili.

KEVIN DURANT (THUNDER) – Alla Durantola non riesce il colpo realizzato dal socio Westbrook, ossia quello di tornare ed essere subito decisivo per Okc. Nulla si può imputare però al ragazzo di Washington, che nella notte che lo ha rivisto sul parquet dopo la frattura al piede mette a referto 27 punti, in meno di mezz’ora di gioco. I movimenti per forza di cose non possono essere ancora fluidi, e la confidenza con campo e compagni è tutta da ritrovare, ma se questa è la premessa, le sorti dei Thunder (ai quali servirà un mezzo miracolo per arrivare ai playoff) sono tutt’altro che già segnate.

LAMARCUS ALDRIDGE (TRAIL BLAZERS) – Il buon LaMarcus sta diventando un habituè di questa graduatoria, e con i 39 punti di questa notte dimostra di esserlo a pieno merito. Una doppia doppia da protagonista per cancellare le velleità di Denver, e rilanciare ulteriormente Portland agli alti vertici della lega.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *