Redazione
No Comments

The Walking Dead 5: il finale di metà stagione è scoppiettante

Un mid-season finale emozionante. Adesso saremo costretti ad aspettare fino al 6 Febbraio 2015 per un altro episodio ricco d'azione: ricomincia l'attesa snervante

The Walking Dead 5: il finale di metà stagione è scoppiettante
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
The Walking Dead

Beth in ospedale con i segni delle violenze subite

Emozioni, rabbia e vendetta sono le costanti di questa quinta puntata di The Walking Dead  che si apre con Rick che investe il poliziotto Bob, scappato dal “sequestro” dopo aver fatto perdere i sensi a Sasha. Davanti questa scena mi son posta una domanda : sta diventando troppo violento o è giusto che si comporti così? Insomma, in quelle situazioni la violenza paga ma in questa circostanza si trovava davanti ad un uomo legato e ormai paralitico con degli zombie che avanzavano alle loro spalle: avrebbe potuto lasciarlo li al suo destino, lavandosene in un certo senso le mani. Ma ancor prima, credo sia stato esagerato l’averlo investito : avrebbe potuto tagliargli la strada e costringerlo di forza a farlo entrare e continuare a tenerlo come merce di scambio. Chissà se con un uomo in più sarebbe andata a finire diversamente, chissà se con un uomo in più Dawn non avrebbe richiesto indietro Noah e chissà se Beth sarebbe ancora viva. Ma ci arriveremo.

Dopo la sigla ritroviamo Padre Gabriel che, come ricorderemo è uscito di nascosto dalla chiesetta, si trova di fronte una scuola : è davvero ancora troppo debole e soprattutto impressionabile. Aggiungerei anche un po’ idiota : uomo, ti trovi davanti ad un edificio pieno di zombie chiuso tramite una porta vetrata con i morti che battono impetuosamente per uscire, cosa rimani fermo nonostante tu sia zoppo e nonostante gli zombie sappiano della tua presenza? E infatti non è finita bene, il peso e la forza del walkers fa sì che il vetro si rompa ed ecco una mandria di zombie alle calcagna del prete. La stupidità di quest’uomo si fa più evidente quando, impaurito, torna alla chiesa portando con se l’intera mandria. Ma cosa vai direttamente in chiesa? Cerca almeno di seminarli invece di mettere volontariamente in pericolo i tuoi amici ! Fortunatamente, la presenza di Michonne è determinate: si libera di qualche zombie e permette così di farsi strada all’interno della chiesa: si chiudono in sacrestia dove appunto c’è la botola per uscire. Ma, mi chiedo, perché l’hanno fatto entrare? Mi rendo conto che sono ancora brave persone e che conservano la loro umanità ma è palesemente un personaggio inutile, un uomo inutile, causa solo problemi: sarebbero dovuti essere pragmatici e lasciarlo fuori, avrebbero salvato il loro rifugio e certamente se stessi –che non è egoismo, è sopravvivenza della specie.

A seguire rieccoci nell’edificio con i sequestrati e i sequestratori: Sheperd e Licari, i due poliziotti sotto cattura, si accordano con Rick sulla versione da raccontare –il loro collega sarebbe morto in seguito ad un attacco di putrefatti.

Nei minuti che seguono troviamo l’alternanza di due scene: Dawn e Beth che si “confidano” –Dawn racconta di Hanson, il “capo” prima che lei prendesse il suo posto dopo averlo ucciso perché si era indebolito-; l’arrivo dei rinforzi alla chiesa –Abrham parcheggia volontariamente il pullmino davanti l’entrata per impedire che gli zombie riuscissero ad uscire- e Michonne che rivela a Maggie la sorte della sorella –le dice che è viva e che si trova in un ospedale ad Atlanta. E ancora Beth e Dawn che parlano finchè O’Donnel non le interrompe facendo poi una brutta fine per mano di Beth dopo aver tentato di ammazzare il suo capo.

Mentre Rick scende in strada per accordarsi con gli altri due poliziotti, troviamo Sasha e Tyreese impegnati in una conversazione tra fratelli in cui si racconta come siano accomunati dalle disgrazie. Personalmente ritengo questo discorso un po’ la diagnosi della loro debolezza : sono ormai psicologicamente demoralizzati, deboli e non sostengono più il mondo che li circonda. Sasha stessa ammette di non farcela più. Intanto Rick si accorda ed entrano di soppiatto nell’ospedale.

Gli uni di fronte gli altri, occhi che si incrociano e armi deposte. Scambio lento, uno dei nostri per uno dei loro. Va prima Carol in cambio di Licari. A seguire Beth in cambio di Sheperd. Dawn non si acconenta, pretende Noah che, nonostante il rifiuto di Rick, si offre per permettere a loro di andare. Beth lo abbraccia e poi va dalla poliziotta. Guarda negli occhi Dawn, le sussurra qualche parola, disgustata. Le ficca una forbicina nella spalla. Involontariamente o non accade l’impensabile : DAWN SPARA IN TESTA A BETH.

Repentina la reazione di Daryl che spara in testa alla poliziotta.

Escono dall’ospedale, contemporaneamente arrivano gli altri sopravvissuti. Prima Rick, poi Daryl con la ragazza in braccio. Maggie si lancia in un urlo disperato di dolore buttandosi a terra. Daryl piange, col cuore evidentemente a pezzi.

Titoli di coda.

La puntata però non termina così, alla fine dei titoli di coda c’è nuovamente Morgan che entra in chiesa, la stessa chiesa dei sopravvissuti e trova per terra la mappa col messaggio di scuse di Abrham per Rick “Scusa se sono stat0 uno stronzo. Vieni a Washington, il mondo avrà bisogno di Rick Grimes”.

The Walking Dead

Morgan, l’uomo dei finali nascosti

In conclusione voglio focalizzare l’attenzione un attimo su due punti particolari : il primo è che pare che Maggie si sia ricordata della sorellina solo nel momento in cui Michonne le ha detto che era ancora in vita e si trovava ad Atlanta; il secondo è la miracolosa guarigione di Carol. Era evidente che fosse mal ridotta, resentava il coma e comunque era stava investita violentemente da un auto in corsa: com’è possibile che nello stesso momento in cui varca la soglia dell’ospedale trova le forze per alzarsi in piedi?

In ogni caso, finale di metà stagione particolare, non troppo ricco d’azione ma pieno d’emozione.

Adesso però vaghiamo nell’ignoto. Non sappiamo cosa succederà, non siamo stati indirizzati su alcun pensiero, su alcuna possibile rotta che potrebbe essere incalzata dai nostri eroi. Solo un personaggio che ritorna, che ritornerà? Solo un finale triste, una vittima innocente, una morte immotivata.

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *