Simone Viscardi
1 Comment

Pallone d’oro, corsa a tre: ecco perchè deve vincere Messi

Leo Messi per la settima volta consecutiva compete per il Pallone d'oro, e nel Faccia a Faccia di oggi è a confronto con gli altri candidati, Neuer e CR7

Pallone d’oro, corsa a tre: ecco perchè deve vincere Messi
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il Fifa Ballon d’Or, o per meglio dire il caro vecchio Pallone d’oro, sta per eleggere il suo nuovo possessore. A deciderlo, come da qualche anno a questa parte, sono stati i capitani e i ct di tutte le nazionali, oltre ad una selezionatissima giuria composta da giornalisti sportivi. Il 12 gennaio 2015 si terrà la consueta cerimonia di premiazione, ma già si sanno i nomi dei 3 finalisti. C’è Cristiano Ronaldo, campione d’Europa col Real Madrid e sfondatore di reti nella Liga; c’è Manuel Neuer, portierone della Germania acchiappatutto. E poi c’è lui, sempre e comunque lui. Inserito per la settima volta consecutiva nella maestosa Top 3, Leo Messi punta il 5° Pallone d’oro della carriera, ulteriore record in una epopea leggendaria.

Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, nemici in campo e forse anche fuori

Cristiano Ronaldo e Lionel Messi, nemici in campo e forse anche fuori

PIÙ FORTE DEI KO – La stagione della Pulga non è stata certo la migliore di sempre, ma nonostante i continui Ko fisici, e le croniche crisi di vomito che lo hanno colpito prima di molte partite, Messi è stato comunque capace di ottenere risultati importanti. Per qualsiasi essere umano, segnare 41 reti in 46 partite  rappresenterebbe il massimo a cui agognare, un sogno irrealizzabile o l’apice della carriera. Per Messi, invece, ha rappresentato quello che per molti ipercritici è stato il punto più basso di sempre. Forse non è chiarissimo il concetto: quarantuno gol in quarantasei partite, roba da alieni. A pesare sul giudizio c’è la stagione storta del Barcellona, che per la prima volta da 10 anni a questa parte non ha raggiunto le semifinali di Champions, nè è riuscito a trionfare nella Liga. Anche il Mondiale di Messi è stato per molti deludente, come se trascinare l’Argentina in finale sia una robetta da poco.

L’ANNO NON È FINITO A LUGLIO  –  Da non sottovalutare poi il fatto che il premio va a incoronare il migliore nell’anno solare 2014, non nella stagione 2013/14. E in questo scorcio di stagione appena iniziata, Messi ha qualche freccia da scoccare nel proprio arco. In primis il primato, appena raggiunto, di reti nella storia della Liga (253). Meglio di tutti, da Di Stefano a Puskas, meglio anche di Cristiano Ronaldo. Poi, come se non bastasse, quello di gol nella storia della Champions League (74). Anche in questo caso, l’argentino si è messo dietro gente come Raul Gonzalez Blanco e un portoghese che sarebbe inutile citare nuovamente. Insomma, se il Pallone d’oro, come dovrebbe essere, fosse assegnato al giocatore migliore, e non al miglior interprete della squadra più forte, il trofeo dovrebbe volare dalle parti di Barcellona, di diritto.

 

Share Button

One Response to Pallone d’oro, corsa a tre: ecco perchè deve vincere Messi

  1. Thomas 3 dicembre 2014 at 12:29

    Messi é il migliore al di là di chi vinca il pallone d’oro…

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *