Vincenzo Galdieri
No Comments

L’angolo del libro: recensione di ‘Nessuno sa di noi’

La struggente storia di Luce e Pietro, protagonisti del particolare 'Nessuno sa di noi'

L’angolo del libro: recensione di ‘Nessuno sa di noi’
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
Simona Sparaco, autrice del libro " Nessuno Sa Di Noi "

Simona Sparaco, autrice del libro ” Nessuno Sa Di Noi “

Luce è in sala attesa, con la mano sulla pancia quasi ad accarezzarlo quel figlio tanto aspettato, quasi per paura che possa scomparire. Pietro è al suo fianco, nervoso , col maglione a scacchi verde e blu delle grandi occasioni che controlla le ecografie cercando il naso, la bocca, gli occhi di Lorenzo, quasi come non ci credesse ancora a quel piccolo miracolo. Ed eccolo sul monitor, Lorenzo. Ma qualcosa non va, qualcosa non è andata per il verso giusto. “Lorenzo è troppo corto ed il mondo smette improvvisamente di girare come Lorenzo ha semplicemente smesso di crescere.

Ma Luce e Pietro non si arrendono, si tengono la mano e , magari un po’ provati, ma continuano a sperare, si aggrappano a quel Dio nel quale non hanno mai particolarmente creduto, un po’ timidi e intimoriti. Attanagliati dalla paura di perdere Lorenzo, però, finiscono per perdere sé stessi e il loro amore, nato contro ogni pronostico, sul quale nessuno avrebbe scommesso. Cos’è l’amore? Resterà intatto nonostante il mondo sembri sgretolarsi con Lorenzo? Sì può vivere senza figli o è un’alternativa così inaccettabile? Nessuno sa di noi è la storia straziante e dolorosa di un bambino che forse non nascerà, o forse nascerà, in un mondo troppo crudele che non lo accetterà, che non lo capirà, che non avrà pena per le sue gambe e le sue braccia troppo corte, per il suo petto stretto e il suo stomaco largo. È la storia emozionante di Luce e Pietro e mille altre coppie come loro, nascosti nelle loro paure nei dubbi delle scelte, nei loro dolori. Tremanti, come avessero freddo, ma non basta una sciarpa per scaldarsi se la vita non arriva o, peggio, arriva per poi morire.

Claudia Ceccani

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *