Marco Tringali
No Comments

La Spagna sotto shock: scontri a Madrid, muore un giovane tifoso

E' di un morto e diversi feriti il bilancio dei tafferugli scoppiati nei pressi dello stadio Calderon, prima dell'incontro tra Atletico Madrid e La Coruna

La Spagna sotto shock: scontri a Madrid, muore un giovane tifoso
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

L’imbecillità nel calcio non ha confini, abbraccia tutte le latitudini e non risparmia neanche i paesi dove si gioca il calcio più nobile. Durante i tafferugli scoppiati prima dell’incontro tra Atletico Madrid e Deportivo La Coruna, lunch match domenicale della Liga spagnola, ha perso la vita un giovane 43 enne, colpito a morte alla testa e poi gettato nel fiume Manzanarre.  Francisco Taboada, questo era il nome della vittima, durante gli scontri ha avuto un arresto cardiorespiratorio a causa dei colpi subiti e dopo essere stato gettato nel fiume sarebbe deceduto per ipotermia.

Nonostante la notizia della morte clinica del tifoso fosse stata già battuta da tutte le agenzie di stampa spagnola, le due squadre hanno deciso di scendere in campo ugualmente.

Il giovane sarebbe poi morto ufficialmente poco dopo la fine del match, gettando il paese spagnolo nello sconforto per l’ennesimo episodio di violenza legato al calcio.

IL BILANCIO DEGLI INCIDENTI – Dieci persone sono state fermate finora e una trentina identificate dalle forze dell’ordine dopo i violenti scontri. Gli incidenti sono avvenuti prima delle 9 nei pressi dello stadio Calderon, e pare che abbiano coinvolto 200 ultrà delle opposte frange estreme del tifo locale e delle frange più violente del tifo galiziano.

Pare che le tifoserie si fossero date “appuntamento” sul popolare social network  “WhatsApp” e che nonostante precedenti analoghi di scontri tra le tifoserie in questione, le autorità locali abbiano definito il match “a basso rischio” di incidenti.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *