Marco Tringali
No Comments

“Il mio sogno è la maglia albiceleste”. Cosi Dybala respinge la corte di Conte

Il talento rosanero, chiude le porte alla nazionale azzurra, e ribadisce il proprio amore per la nazionale argentina. Il suo futuro è in Premier League

“Il mio sogno è la maglia albiceleste”. Cosi Dybala respinge la corte di Conte
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il sogno di vestire la maglia della nazionale è un po quello di tutti gli atleti che iniziano un percorso sportivo,  ma come dicevano gli avi “moglie e buoi dei paesi tuoi”, anche per la nazionale il patriottismo strisciante soffia  anche nei cuori dei calciatori, tanto da suggerire di modificare quel proverbio in “maglie e buoi dei paesi tuoi”. Infatti accade che l’allenatore della nazionale, Antonio Conte, lusinghi la giovane promessa del Palermo, Dybala, che a suon di goal (ben 10 messi a segno in serie A) andandolo a trovare a domicilio, in quel di Boccadifalco, dove si allena la banda di Iachini. Lo scopo del tecnico pugliese è quello di convincerlo a vestire la maglia azzurra, confortato dalle origini italiane del giovane calciatore, per rimpinguare il modesto roster di attaccanti che la nazionale può vantare attualmente. Ma Paulo Dybala, nato e cresciuto in Argentina, non ha dimenticato i propri trascorsi nelle giovanili con la maglia “albiceleste”, e non ha resistito alla tentazione di chiudere le porte spalancate per lui da Conte e rispedire al mittente la proposta.  “Sono nato là e mi sento argentino – avrebbe dichiarato il giocatore a “Repubblica” – quando giocavo da bambino sognavo la Nazionale argentina”.Lo stesso ct ha ammesso che il proprio tentativo di arricchire la rosa azzurra di un nuovo talento, si è arenato proprio per le ambizioni della “Joya” (come viene soprannominato in Argentina) di vestire la maglia del proprio paese.

LE SIRENE LONDINESI – E negli ultimi giorni trapelnoa indiscrezioni di mercato che vorrebbero il talento rosanero in procinto di lasciare a breve l’Italia. Le sue prestazioni ricche di estro e di fantasia hanno stimolato l’appetito dell’Arsenal, che per il dopo-Wenger, ha pensato proprio a Dybala come puntello per il proprio attacco del futuro. Zamparini chiede 40 milioni, ma i gunners sperano di potere spuntare una cifra più bassa per portare in Premier League il fenomeno rosanero. Altro che Italia e nazionale azzurra, gli italiani sono destinati ad ammirare la luminosa carriera di Dybala, attraverso gli schermi televisivi.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *