Redazione
No Comments

The Walking Dead 5×07: recensione di ‘Crossed’

Più azione, ma la velocità non cambia: Crossed un po' soddisfa, un po' illude ed un po' delude. In attesa del mid-season finale: ormai ci siamo

The Walking Dead 5×07: recensione di ‘Crossed’
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
The Walking Dead, Tyreese

The Walking Dead, Tyreese torna in battaglia: forse era meglio lasciarlo in Chiesa

 “Crossed” è il titolo del settimo capitolo di questa quinta stagione di The Walking Dead che dopo un paio di settimane è tornato ad essere “completo”: durante l’episodio abbiamo avuto la possibilità di incontrare tutti i personaggi sullo stesso piano – a differenza delle precedenti messe in onda che prevedevano un solo livello con una sola situazione considerata.
La puntata scorre molto lentamente, poca azione e troppi dialoghi insignificanti.


L’ANONIMA ZOMBIE DI TYREESE – Torna Rick che con un seguito improbabile, si reca ad Atlanta con l’obbiettivo di assediare l’ospedale in cui Beth e Carol sono chiuse. Mi permetto di definire “improbabile” il seguito dell’ex-sceriffo perché mi sembra paradossale aver lasciato Michonne nella chiesetta e aver portato con se Tyreese che, potremmo dire, stia uscendo ora finalmente da una convalescenza post-traumatica che lo trattiene nell’ambito della non-violenza. E proprio questa “non-violenza” di Tyreese che fa cambiare i piani organizzativi del gruppo: mentre Grimes è deciso ad entrare di soppiatto nell’edificio, silenziosamente farsi strada e recuperare le amiche, il grande e grosso omaccione propone di “sequestrare” e “scambiare” due poliziotti del seguito di Dawn con le loro compagne. Questo sarà il piano che verrà seguito ma che non andrà a buon fine: dopo una breve lotta tra i sopravvissuti e tre membri della “polizia” ospedaliera –con uno scontro diretto tra Daryl e un poliziotto che prova a farlo azzannare da uno zombie putrefatto-, riescono a farne degli ostaggi e portarli in un edificio organizzando l’attacco. Tra i prigionieri c’è né uno di nome Bob, un poliziotto apparentemente docile e pacifista che sembra aver acquistato la fiducia di Sasha immediatamente dopo aver pronunciato il suo nome (rifacendomi sempre a ciò che ho detto prima, mi sembra illogico aver portato con se gente mentalmente instabile e traumatizzata. Sappiamo infatti che Sasha è reduce dalla perdita del suo amato Bob). Bob il poliziotto, convince con un storia smielata a farsi accompagnare dalla donna alla finestra per “salvare” (ammazzare”) un suo amico diventato zombie : mentre lei è intenta a ricercare il corpo tra i putrefatti sull’asfalto, il bugiardo alle sue spalle la colpisce facendole sbattere la testa al vetro e facendola cadere a terra senza sensi. Riuscendo a scappare.


PIU’ RITMO, WALKERS! – Su un altro livello, ma contemporaneo, troviamo le vicende all’interno dell’ospedale. Non si capisce il perché ma Dawn cede le chiavi dell’armadietto delle medicine a Beth affinchè provi a salvare Carol : la stessa Dawn ha ordinato che i macchinari che cercavano di far guarire l’impavida venissero staccati e che ella fosse costretta quindi a riprendersi tramite le sue stesse forze. Eppure, con un atto di umanità molto ambiguo, aiuta la ragazza a salvare l’amica. Perché mai questo gesto? Beth viene infatti messa in guardia dal dottore sulle possibili intenzioni del “capo”.
Infine, troviamo anche il gruppo degli ex diretti a Washington: Eugene ancora disteso a terra senza sensi, Abraham in una sorta di trance , inginocchiato a terra e fissare il vuoto sovrappensiero, Maggie che fa da supervisore ad entrambi mentre Glenn, Tara e Rosita vanno a prendere dell’acqua –trovando poi dei pesci, si improvvisano pescatori di fortuna.
Verso fine puntata il famigerato scienziato si risveglia esordendo con versi e un “Ehi”.
Settimana prossima assisteremo all’ultima puntata prima del break di metà stagione: le aspettative sono quelle di un episodio mozzafiato, pieno d’azione e che ovviamente ci lascerà col fiato sospeso in merito ad un finale stravolgente. Ciò che davvero ne sarà della prossima puntata, però, lo scopriremo ovviamente lunedì poiché, considerato l’andamento lento di questa stagione, la fiducia nell’azione va via via diminuendo.

Antonella Sivo

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *