Marco Tringali
No Comments

Confalonieri: “Milan e Inter, due poverette…”

Il presidente di Mediaset, ritira un premio a Parma e affonda il colpo sulle derelitte squadre milanesi, elogia Inzaghi e assolve la dirigenza rossonera per la cessione di Pirlo

Confalonieri: “Milan e Inter, due poverette…”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Gli strascichi del deludente derby milanese lasciano ancora il segno tra gli addetti ai lavori e i tifosi eccellenti di Milan e Inter, che non le mandano a dire per sottolineare gli scarsi contenuti tecnici e la pochezza tattica delle due contendenti. Dopo le dichiarazioni di Mazzola che evidenziava la mediocrità delle rose delle due gloriose squadre di Milano, non vuol far mancare il proprio commento al vetriolo anche Fedele Confalonieri, attuale presidente di Mediaset.

Al Teatro Regio di Parma, ai margini della trentottesima edizione del premio internazionale “Sport Civiltà”, organizzato dall’Unione nazionale Veterani dello sport, Confalonieri senza peli sulla lingua, pungolato da un giornalista sul derby della “Madonnina”, ha sentenziato: È stata una partita tra poveretti: per vincere, bisogna investire. Ora siamo in queste condizioni purtroppo….

Un’altra sassata che si aggiunge al malumore dei tifosi per lo stato penoso al quale sono giunti rossoneri e nerazzurri all’appuntamento con la stracittadina, dopo stagioni grigie che le hanno viste ai margini del calcio internazionale, dopo i fasti dell’era Mourinho per l’Inter e degli allori internazionali di Sacchi e Capello per i milanisti. Confalonieri ha poi assolto dalle proprie responsabilità per la mediocre prestazione l’allenatore milanista Inzaghi, sostenendo i meriti del tecnico capace di creare un rapporto eccezionale con i ragazzi e meticoloso nella preparazione delle gare. A chi gli ricordava le scelte di mercato scellerate della dirigenza rossonera, con riferimento specifico all’addio prematuro di Pirlo, il presidente di Mediaset ha allargato le braccia dichiarando: Non c’erano le condizioni per tenerlo al Milan, siamo consapevoli che la sua cessione ha accelerato il percorso che ha portato la Juventus ai successi di questi anni.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *