Gianpiero Farina
No Comments

Serie A Beko: in vetta non cambia niente. Milano, colpaccio a Varese

Le tre capolista, seppur con qualche difficoltà, continuano a vincere. Milano espugna il PalaWhirpool; successi anche per Cantù e Brindisi

Serie A Beko: in vetta non cambia niente. Milano, colpaccio a Varese
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Tutto invariato in vetta dopo la settima giornata della Serie A di basket: Reggio Emilia, Venezia e Sassari vincono davanti al proprio pubblico e mantengono la testa della classifica. Sabato la Grissin Bon ha battuto 87-83 la Virtus Roma che, pur avendo comandato per gran parte il match con un Polonara in grande spolvero, è mancata nei minuti finali dove è stato protagonista per i padroni Drake Diener, autore di 7 punti negli ultimi due minuti. La Reyer invece ha superato con gran fatica Pistoia 66-63. La squadra toscana ha messo in difficoltà la capolista che ha portato a casa la vittoria grazie a due tiri liberi di Peric a 8″ dalla fine. Successo per Sassari nel monday night che ha superato un Avellino in gran forma grazie soprattutto ad un mostruoso inizio di quarto quarto che ha portato un parziale di 12-4. La Dinamo comunque riparte dopo la sconfitta in Eurolega e aggancia Reggio Emilia e Venezia al comando.

Pozzecco protagonista negativo nella giornata appena trascorsa.

Pozzecco protagonista negativo nella giornata appena trascorsa.

MILANO CORSARA – Tra le altre spicca il 105-97 con cui l‘Emporio Armani ha vinto a Varese grazie ad un super Brooks, autore di 37 punti, ed un Melli in grande serata ed infallibile nelle triple (5/5). Per la squadra di Pozzecco, espulso con una reazione un pò sopra le righe, è la quinta sconfitta consecutiva mentre per  le scarpette rosse si tratta del secondo derby consecutivo dopo quello con Cantù. Proprio quest’ultima, nell’altro anticipo, ha vinto 107-95 in casa di una Caserta sempre più ultima in classifica. Ci è voluto un tempo supplementare, dove è stato decisivo un Feldeine che ha assunto il ruolo di vero e proprio trascinatore. Partita infinita tra Trento e Cremona: 116-114 per i padroni di casa il risultato finale dopo ben tre tempi supplementari in cui è stata decisiva la freddezza di Mtichell dalla lunetta. Torna al successo Brindisi che batte in casa Bologna 75-64; ma è stata una vittoria molto faticosa frutto soprattutto di un parziale di 12-0 negli ultimi minuti del terzo quarto. Infine Pesaro ha sconfitto Capo d’Orlando 62-60 che è sicuramente un punteggio basso ma la partita è stata, seppur non bellissima, molto combattuta e sono state le fiammate e gli errori a farla da padrone; infatti è stato proprio un errore di Archie dai 6,75 a permettere ai padroni di casa di portare a casa i 2 punti.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *