Alex Rivolta
1 Comment

Moggi non ci sta “Ho fatto solo del bene al calcio italiano”

Ai microfoni del "Processo del Lunedi" Moggi ha rivendicato i suoi meriti per i successi del mondiale 2006 oltre a criticare l'operato di Andrea Agnelli

Moggi non ci sta “Ho fatto solo del bene al calcio italiano”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ogni volta che Luciano Moggi decide di rilasciare qualche dichiarazione fornisce sempre un titolo su cui discutere e le sue parole al processo del Lunedi  di ieri non sono state da meno.

MERITI PERSONALI – Moggi ha detto infatti che è anche grazie al suo operato durante gli anni bianconeri che l’Italia è riuscita a laurearsi Campione del Mondo nel 2006 visto che tantissimi dei giocatori che componevano la spedizione tedesca provenivano proprio dalla “sua” Juventus sottolineando come dopo di lui siano arrivati esclusivamente fallimenti per gli azzurri. L’ex DG della Vecchia Signora ha voluto inoltre tornare sulle recenti parole dell’attuale presidente juventino Andrea Agnelli definendolo ingenuo dopo che Agnelli aveva parlato di perdono nei suoi confronti quando invece secondo Moggi lui non ha nulla da farsi perdonare avendo, a detta sua, sempre lavorato per il bene della Juventus.

Share Button

One Response to Moggi non ci sta “Ho fatto solo del bene al calcio italiano”

  1. miki foggia 11 dicembre 2014 at 20:57

    ”Piaccia o non piaccia”………. aveva ragione il Maestro Enzo Biagi:
    “Una sentenza pazzesca, e non perchè il calcio sia un ambiente pulito. Una sentenza pazzesca perchè costruita sul nulla, su intercettazioni difficilmente interpretabili e non proponibili in un procedimento degno di tal nome, una sentenza pazzesca perchè punisce chi era colpevole solo di vivere in un certo ambiente, il tutto condito da un processo che era una riedizione della Santa Inquisizione in chiave moderna. E mi chiedo: cui prodest? A chi giova il tutto? Perchè tutto è uscito fuori in un determinato momento? Proprio quando, tra Laziogate di Storace, la lista nera di Telecom, poi Calciopoli, poi l’ex Re d’Italia ed ora, ultimo ma non ultimo, la compagnia telefonica Vodafone che ha denunciato Telecom per aver messo sotto controllo i suoi clienti. Vuoi vedere che per coprire uno scandalo di dimensioni ciclopiche hanno individuato in Luciano Moggi il cattivo da dare in pasto al popolino?”

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *