Davide Terraneo
No Comments

Monfils, il folle parigino che distrugge Federer

Nella finale di Coppa Davis il vincitore di 17 Slam viene triturato da un Gael strepitoso e dagli acciacchi alla schiena. Punteggio ora sull'1-1, domani il doppio

Monfils, il folle parigino che distrugge Federer
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Nizza. Finale di Coppa Davis. Il giocatore più vincente della storia del tennis (17 Slam) si appresta a giocare l’ultimo atto dell’unico trofeo che manca alla sua gloriosa bacheca. Il compito gli è resto più agevole dalla vittoria del suo compagno, quel Wawrinka che ha battibeccato con sua moglie solo sei giorni fa. Sembrerebbe tutto semplice, tutto destinato a seguire le vie di una partita scritta, di una trama neanche troppo originale. Una trama che solo un colpo di genio o di follia può spezzare. Solo un incredibile, straordinario folle, per complicare tutto. Quel folle, signori, si chiama Gael Monfils.

LA ROULETTE – L’intuizione di Arnaud Clement, capitano della compagine transalpina a caccia della Coppa Davis, è stata semplicemente geniale. Come combattere il tennista più forte tecnicamente e mentalmente del terzo millennio? Affidandosi ad un pazzo. Far scendere in campo Monfils contro Federer con la Francia già sotto di un punto è la mossa di chi è in grave perdita al casinò e decide di andare alla roulette per puntare tutto sul dispari. Sa che se uscisse pari sarebbe rovinato, ma spera che vada tutto per il meglio e si apra uno spiraglio per lui. Quell’uomo è Clement, il numero dispari Monfils. E stavolta la pallina si ferma sul 3, un 3 a 0 netto che non lascia spazio a recriminazioni, a rimpianti di nessun genere. Clement può tirare un sospiro di sollievo, e ora un po’ di apprensione sale in terra svizzera.

Gael Monfils e Roger Federer prima del loro incontro valido per la finale di Coppa Davis

Gael Monfils e Roger Federer prima del loro incontro valido per la finale di Coppa Davis

LA PARTITA – Il pubblico di Nizza è tutto dalla parte di Gael, e il beniamino di casa si carica punto dopo punto. Quando serve al centro è devastante, quando la prima di servizio resta in campo è quasi inarrestabile. Vincere il 90% dei punti sulla prima contro Federer è qualcosa di inimmaginabile. La folla lo spinge, fischia quando Roger ci mette tanto a battere o contesta un punto. Lo svizzero soffre per la schiena e si vede, il primo set fila via in poco più di mezz’ora, 61 netto, senza rimpianti. O meglio, ci sarebbe spazio per pensare alle due palle break annullate nel lunghissimo quinto gioco, ma la sicurezza con cui il francese è padrone del campo nei propri turni di battuta e l’adrenalina con cui risponde ai proiettili sempre meno efficaci dell’elvetico lasciano intuire come andrà il resto del match. Servirebbe una reazione del plurivincitore di Slam, ed è forse ciò che anche la folla si attende: ma Monfils continua a picchiare duro, a scaldare i supporters e a caricarsi. Il circolo di Nizza è ormai una bolgia, il giudice di sedia deve più volte richiamare i tifosi all’ordine. Il parigino strappa il break alla terza occasione nel terzo game, e chiude il secondo parziale 64, concedendo 6 punti all’avversario quando va al servizio. Ormai Gael accarezza l’impresa, l’entusiasmo dei transalpini è incontenibile e culmina con il quinto game, che permette al padrone di casa di vincere il game in ricezione. Da lì in poi Roger boccheggia sempre di più, e alza bandiera bianca ancora sul proprio servizio, per un impietoso 61 64 63 finale. La fasciatura alla schiena è visibile, ma potrebbe non giustificare una prestazione così remissiva.

LA SITUAZIONE – Con lo straordinario acuto del folle Monfils, la formazione francese pareggia la vittoria di Wawrinka contro Tsonga. Il pronostico ora è decisamente equilibrato, perché il doppio di domani, in programma alle 15.30, vede i ragazzi di Clement nettamente favoriti. La coppia Benneteau-Gasquet ha tutte le carte in regola per affrontare qualsiasi incontro, mentre Chiudinelli e Lammer non sembrano di un livello adeguato per una sfida di questa caratura. Tutto sarà in ogni caso deciso dai singolari di domenica, che vedono i due svizzeri più quotati. Ma con Federer a mezzo servizio e Monfils così scoppiettante nulla è scontato, anzi. Una finale pazzesca sta andando in scena a Nizza. E non a caso Monfils ne è protagonista.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *