Connect with us

Focus

#Adottauncugino: Milano ha già vinto il suo derby

Pubblicato

|

Mentre a Roma, Genova e Torino la stracittadina è ancora oggi vissuta come una specie di conflitto fra il Bene e il Male, fra nobili cavalieri Jedi e Lato Oscuro della Forza, nella capitale morale – almeno in questo – d’Italia la fase orale-tribale è stata superata già da un bel po’, e le tifoserie di Beneamata e casciavit convivono più o meno pacificamente coltivando una sana disistima reciproca fatta di ironia (ricordate l’aumento di polveri sottili nell’aria provocato dallo sventolio di bandiere – quelle nerazzurre dopo i trionfi del tripleteimpolverate da decenni di disuso e il “marsigliese” “Voi rossoneri avete un sogno nel cuore, spegnere il riflettore”?) e di paziente sopportazione.

Così si vive il derby...

Così si vive il derby…

C’è, però, qualcosa di più in questo derby della Madunina che ormai sembra quasi la fotocopia del friendly – amichevole – derby fra Everton e Liverpool, qualcosa di più e di meglio. Oltre alla comprensione del diverso, infatti, dell’altro, di quello che comunque si continua e si continuerà sempre a percepire come meno fortunato di noi, c’è anche la consapevolezza del suo prezioso e insostituibile ruoloesistenziale“. #Adottauncugino, sotto questo aspetto, significa anche #Chesensohalavitasenzadite?, perchè, in fondo, #Chiprendereiperifondelliasanguesenoncifossitu?

Provate un po’ a pensare se a Milano ci fosse solo una squadra: non sarebbe desolante? Il paesaggio non sarebbe ancora più piatto di quello che è già? Meno male, quindi, che ci sono gli altri. E’ grazie a loro che ci sentiamo migliori e che la vita si ravviva: chi tifa per una squadra che non ha un alter ego stracittadino non sa cosa si perde, questa è la verità, e i milanesi l’hanno capito da quel dì.

#Adottauncugino, quindi, e #VivaMilano, la città dove il derby lo vincono tutti.

Enrico Steidler

MEDIA PARTNER

Pubblicità

Trending