Orazio Rotunno
No Comments

Lionel Messi, dove lo metto: un film diretto da Mino Raiola

Per la prima volta in carriera la Pulce si mostra vago circa il suo futuro: da sempre ha giurato amore eterno, finchè dura

Lionel Messi, dove lo metto: un film diretto da Mino Raiola
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Che mondo sarebbe, se Mino Raiola fosse il procuratore di Lionel Messi? Un terremoto si abbatterebbe sull’intero sistema economico calcistico mondiale, con un effetto a catena stravolgente per i maggiori club europei. Per la prima volta in carriera la Pulce si mostra vago riguardo il suo futuro, da sempre dipinto a chiare tinte blaugrana da qui sino alla fine dei suoi giorni da calciatore: almeno sino a ieri. Quando l’argentino, con in parte l’appoggio del padre, ha lanciato i primi veri messaggi di incertezza circa il suo domani. Che potrebbe non essere più in Catalunya.

L’AMORE E’ ETERNO FINCHE’ DURA – Per capire dove, fantomaticamente, potrebbe andare l’argentino, è necessario porsi una domanda: chi se lo può permettere? Sulla carta 5 club, realisticamente due: City e Psg. Gli altri, per motivi diversi, sono da escludersi. Il Real Madrid, sarebbe come vedere Totti in biancoceleste, il Chelsea almeno fino a che rimarrà Mourinho e che comunque sembra sulla carta quella meno (leggermente) benestante fra i paperoni, ed il Bayern, per un calcio tedesco difficilmente attrattivo per una star come Messi, nonostante la crescita del movimento generale. Discorsi lontani, quasi fantacalcistici, ma solo perchè Mino Raiola NON è il procuratore di Lionel Messi, altrimenti dietro quelle vaghe dichiarazioni della Pulce chiunque ci leggerebbe dietro la trama sottile e perfida dello snello agente. Roba già vista con Balotelli ed i mal di pancia di Ibrahimovic, l’ex pizzaiolo sarebbe già a Dubai a trattare nei corridoi più angusti e nascosti con gli emiri di Psg e City, per chi offre di più. Ma forse sarebbe troppo anche per lui, perchè spostare Messi vorrebbe dire togliere il Barcellona al Barcellona stesso e togliere la Statua della Libertà da New York è roba da prestigiatori: a meno che il buon Mino sappia immedesimarsi pure in David Copperfild. La clausola rescissoria di Lionel Messi è pari a 250 milioni di euro, il contratto ha una scadenza non troppo lontana e che alimenta voci e preoccupazioni al Barça: 2016. L’appetibilità dell’argentino resta alta anche negli anni futuri, perchè nonostante sia sulla scena mondiale ormai da 10 anni, l’età è ancora dalla sua, tanto che alla scadenza del contratto dovrebbe ancora compiere 29 anni.

La sensazione è che nemmeno un regista folle ed abile quale Mino Raiola saprebbe portare a termine un film tanto ambizioso: se Lionel Messi andrà via, difficilissimo ad oggi, sarà solo la volontà di quest’ultimo a dominare, senza condizionamento alcuno. City ma soprattutto Psg nel dubbio si faranno trovar pronte: così Ibra tornerà alla Juve, Tevez al City, Jovetic alla Fiorentina…..

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *