Luca Porfido
No Comments

Crespo su Istanbul 2005: “Nessun festeggiamento nell’intervallo”

L'attaccante argentino ha smentito categoricamente le voci riguardo l'intervallo della finale di Champions. "Chi l'ha detto è un infame" conclude Crespo

Crespo su Istanbul 2005: “Nessun festeggiamento nell’intervallo”
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
traorè milan liverpool istanbul

Fu l’ex- Liverpool Traorè a dichiarare di aver sentito i festeggiamenti del Milan

Forse per qualche milanista rievocare quella serata equivale ad un vero e proprio incubo. Non esiste tifoso rossonero che non abbia, almeno in parte, chiuso in un cassetto della sua memoria la finale di Champions ad Istanbul, in modo da non parlarne più, quasi come se nulla fosse successo.

LA VERSIONE DI HERMAN – A più di 9 anni di distanza, Herman Crespo, autore tra l’altro di una doppietta quella sera contro il Liverpool, intervistato per la trasmissione Heroes, ha dichiarato: “A fine primo tempo nello spogliatoio mi tremavano le gambe: avevo fatto una doppietta in finale e vincevamo 3 a 0. Non ci potevo credere e cominciai a pregare che non succedesse nulla nei restanti 45 minuti di gioco. Altri discutevano di calcio, discussioni anche accese, come normalmente avviene negli spogliatoi. Altro che festeggiamenti e champagne: fin da piccolo ti insegnano che le partite finiscono al 90’, chiunque faccia il calciatore lo sa. In quello spogliatoio c’erano giocatori del calibro di Maldini, Costacurta, Gattuso, Nesta, Pirlo, Seedorf e altri ancora: pensare una cosa del genere è assurdo. Direi che chi ha detto che abbiamo festeggiato sia un infame è poco.

LE DICHIARAZIONI AL TEMPO – La versione, però, circolata fino a qualche tempo fa era ben diversa. Djimi Traorè, allora terzino dei Reds, affermò che oltre alla carica che Benitez aveva saputo dare ai suoi dopo il primo tempo, che si era chiuso col raggelante risultato di 3 a 0 per il Milan, ad influire sulla loro voglia di rivalsa fu soprattutto l’atteggiamento dei giocatori rossoneri.
Quando siamo tornati nello spogliatoio abbiamo sentito i giocatori del Milan che erano usciti dal loro, e stavano festeggiando la conquista della Champions. Celebravano come fosse già finita, come fossero loro i campioni. E questo ci ha fatto girare le scatole. Ci ha fatto ritrovare la fame, la voglia di riscossa. Il Milan ci ha dato una mano, ci ha svegliati con quelle celebrazioni in anticipo”.

Benitez, tuttavia, non ha mai confermato nè smentito queste affermazioni: “Sono stato l’ultimo a rientrare nel tunnel, come faccio sempre, e sinceramente non ho notato alcuna azione da parte del Milan che avesse l’aria di una celebrazione”.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *