Jacopo Bertone
No Comments

Mancio & Inzaghi: una storia di incroci, rivalità e rispetto

I due ex-bomber si incontreranno per la prima volta da allenatori nel derby del 23 Novembre: vincerà Inzaghi o Mancini?

Mancio & Inzaghi: una storia di incroci, rivalità e rispetto
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Da calciatori si sono incrociati spesso, bomber affermato Roberto, giovane attaccante FIlippo, ma il 23 Novembre per la prima volta si incontreranno da allenatori, in un Milan-Inter tanto interessante quanto inedito, per vedere chi la spunterà tra l’entusiasmo di Inzaghi e il vizietto dell’esordio di Mancini.

Mancini, nuovo allenatore dell'Inter

Mancini, nuovo allenatore dell’Inter

L’ULTIMA VOLTA – Si sono visti l’ultima volta nel 2008, quando l’Inter era in piena corsa Scudetto e il Milan scendeva in campo per rovinare la festa agli odiati cugini: missione compiuta, se è vero come è vero che i rossoneri sono riusciti a piegare gli avversari per 2-1, goal di Kakà e (of course) di Superpippo, che gioca una partita strana nella quale si fa trovare sempre pronto per ricevere l’ultimo passaggio e buttarla dentro ma, inspiegabilmente, fallisce ogni occasione che gli capita, finchè un cross dalla destra del predetto numero 22 non impatta sul testone dell’ex-Juve che risulterà decisivo in una partita cruciale per la qualificazione in Champions; dall’altra parte un Mancini sulla graticola incassava una sconfitta meritata ma non per questo meno dolorosa perchè in quel momento rischiava veramente di compromettere la vittoria del campionato, colta poi due giornate più tardi nel diluvio di Parma complice anche il pareggio della Roma a Catania: è l’ultimo ricordo della prima esperienza nerazzurra di Bobby-gol, dolce ma anche amarissima perchè non evitò l’esonero del tecnico di Jesi pochi giorni più tardi a favore di un certo Josè Mourinho.

LA PROSSIMA VOLTA – Ha sbuffato Inzaghi quando ha sentito del cambio di panchina interista, in primo luogo per il rispetto che ha nei confronti di un allenatore di caratura internazionale, ma soprattutto perchè questo cambia le carte in tavola di un derby che magari non sarà più decisivo per il campionato come quello del 2008, ma non per questo sarà meno interessante: Mancini vincerà ancora all’esordio? Inzaghi riuscirà a preparare tatticamente bene la partita? con che modulo giocherà l’Inter? Pippo schiererà quel Torres che fu in qualche modo decisivo per l’addio del Mancio 6 anni fa? tante domande, poche certezze, un’unica maniera per trovare le risposte: contare i giorni fino a Domenica e poi godersi lo spettacolo del derby della Madonnina numero 296!

Jacopo Bertone (@JackSpartan92)

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *