Davide Terraneo
No Comments

Mancini e i derby, il tecnico ritrova la stracittadina

Il nuovo allenatore nerazzurro debutterà proprio contro il Milan: ecco i suoi numeri contro i rossoneri nella sua prima avventura da interista

Mancini e i derby, il tecnico ritrova la stracittadina
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Accolto con l’entusiasmo di gran parte dei tifosi, Roberto Mancini verrà immediatamente messo di fronte alla prova più ardua per un interista: il derby. Chiedete ad un supporter nerazzurro che cosa chiede al nuovo tecnico, e tra le numerose aspettative (la piazza milanese è molto pretenziosa, si sa) troverete sempre il sogno di sconfiggere i cugini rossoneri. E’ il tecnico giusto per l’esordio col botto? Impossibile saperlo. Vediamo però come lo jesino si è comportato nelle stracittadine del suo primo mandato.

L’ESORDIO – Il debutto del Mancio sulla panchina dell’Inter in una stracittadina avvenne il 24 ottobre 2004, e fu la prima sfida a reti inviolate tra le due milanesi in campionato dal 1989. Il ritorno, giocato “fuori casa”, venne vinto dai rossoneri con la marcatura nel finale di Kakà, e fu il preludio al doppio confronto di Champions deciso dalle reti di Stam e Shevchenko all’andata e dall’arcinoto fumogeno contro Dida dopo un altro gol dell’ucraino al ritorno. La prima gioia arrivò 8 mesi dopo, con il pirotecnico 3-2 con Adriano protagonista di una doppietta e del gol vittoria al 93′. La sfida successiva non portò bene a Mancini, battuto da un gol di Kaladze.

Roberto Mancini, ormai ex allenatore del City

Roberto Mancini ai tempi della panchina nel Manchester City

IL GOL DI RONNIE – Nell’autunno del 2006 una delle stracittadine più emozionanti degli ultimi anni: Inter prima avanti 3-0 con Crespo, Stankovic e Ibrahimovic e poi 4-1 con Materazzi che risponde a Seedorf, ma i rossoneri reagiscono e vanno a segno con Gilardino e Kakà al 94′, facendo passare qualche istante di puro terrore al buon Mancini. Pericolo scampato, e se non gli è scappato l’infarto quella volta non potrà più succedere. Quel 4-3, unica vittoria esterna in una stracittadina per il neo tecnico, spianò la strada al primo scudetto post-calciopoli. Nel successivo marzo la rete di Ronaldo, grande ex dell’incontro, non evitò il ko agli uomini di Ancelotti, rimontati da Cruz e Ibrahimovic. Da allora bilancio di 2 vittorie interne (entrambe 2-1) e due sconfitte esterne (2-1 e 1-0 con gol di Ronaldinho), prima dell’addio a fine maggio e dell’arrivo di Mou, con il 4-0 contro il Milan di Leonardo. Ma questa è un’altra storia.

I NUMERI – A conti fatti dunque aspettarsi una vittoria di Mancini all’esordio è rischioso. Con lui, l’Inter ha vinto solo una volta fuori casa nel derby, con 3 sconfitte e un pareggio (in Serie A), e la prima partita è proprio in casa dei cugini. Contando anche le sfide casalinghe il bilancio dei nerazzurri nella stracittadina in campionato vede 5 vittorie, 4 sconfitte e un solo pareggio. Aggiungendo il biennio alla guida della Lazio, lo score contro i diavoli è di 5 successi, 6 ko in 14 confronti. Insomma, se l’Inter si rilancerà con Mancini non è dato saperlo: resta la certezza che l’esordio non sarà dei più semplici. Il tecnico ha l’esperienza per saper gestire questa situazione. E, dettaglio non trascurabile, ha i tifosi dalla sua. Il conto alla rovescio per il derby è iniziato.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *