Enrico Cunego
No Comments

Nba, i risultati della notte: San Antonio doma i Warriors, volano i Raptors

In Nba Raptors sempre al comando della Eastern, mentre sul pacifico risalgono gli Spurs. Perdono ancora i Lakers, pazzesca rimonta per Portland

Nba, i risultati della notte: San Antonio doma i Warriors, volano i Raptors
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

6 le gare giocate nella notte Nba. Grande serata per i San Antonio Spurs che sconfiggono a domicilio i Golden State Warriors, ex leader della Western Conference, ora dominata dai Grizzlies, che battono 107-102 i Los Angeles Lakers. Ad est comanda Toronto che supera non facilmente Orlando, mentre arrivano vittorie anche per Milwauee, Portland e Dallas.

Ai akers non basta il solito Kobe: Memphis passa

Ai akers non basta il solito Kobe: Memphis passa

CAMPIONI E PADRONI – Un grande terzo quarto che porta anche a 13 i punti di distacco tra le due formazioni regala il successo dei San Antonio Spurs in quel di Oakland, dove i Golden State Warriors vengono traditi anche dalle 19 palle perse. Gran partita da 28 punti e 7 assist per Tony Parker, mentre Ginobili aggiunge 19 punti che fanno volare verso la vittoria gli speroni. Dall’altra parte non bastano i 29 punti di Thompson e Curry per una volta è poco preciso al tiro: 7/18 dal campo. Grazie agli 8 punti di Lou Williams ed alle due triple decisive di Patrick Patterson i Toronto Raptors conquistano nell’ultimo quarto contro i Magic la settima vittoria stagionale, successo che conferma i “canadesi” al primo posto della Eastern Conference. Un 104-100 arrivato sul filo di lana dopo una gara equilibrata, con Orlando che si fa trascinare dai 24 punti di Fournier e dai 23 con 13 rimbalzi di Tobias Harris. Per i Raptors il leader di serata è Kyle Lowry, che fa registrare 19 punti, 7 assist e 6 rimbalzi. Ad ovest comanda invece Memphis, che rischia un incredibile rimonta contro i Los Angeles Lakers, che con un parziale da 18-2 negli ultimi 5′ dell’ultimo quarto passano da -17 a -3. Grizzlies che devono ringraziare Jordan Hill, che sbaglia il piazzato proprio allo scadere del tempo. Lakers guidati come al solito da Kobe Bryant, 28 punti, mentre i Grizzlies avevano ben controllato il match per i primi 3 quarti, con Conley autore di 23 punti e la coppia Koufos-Udrih capace di segnare 30 punti.

LE ALTRE GARE – Tempi duri per i Thunder decimati dagli infortuni. Ad Oklahoma City passano 85-78 i Milawaukee Bucks, che così dopo oltre un anno possono festeggiare due vittorie consecutive. Reggie Jackson (29 punti) non può bastare da solo ad OKC, mentre Milwauke coglie una grande vittoria collettiva grazie ai 19 punti di OJ Mayo, ai 16 di Knight ed ai 14 di Antetokoumpo, oltre ai 10 rimbalzi conquistati da Pachulia. Dirk Nowitzki segna 23 punti contro i Sacramento Kings e diventa il miglior marcatore non statunitense della lega, il nono in assoluto. I Mavericks iniziano male l’incontro, andando sotto 32-14 nel primo parziale, ma rimontando nella seconda parte grazie anche al risveglio di Monta Ellis e di Chandler Parsons. A Sacramento un Gay da 26 punti e Cousins con 16+11 rimbalzi non bastano, a Dallas può partire la festa per Dirk. A Portland gli Hornets sciupano anche 23 punti di vantaggio e finiscono per perdere negli ultimi minuti la gara contro i Trail Blazers, trascinati ancora una volta dalla coppia Aldridge-Lillard (29 e 25 punti). Gara decisa nell’ultimo quarto dal ritorno dei padroni di casa, che trovano il sorpasso (97-96) con la tripla di Blake a 2′ dalla fine, poi Matthews e Aldridge chiudono la gara sul definitivo 102-100

Enrico Cunego

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *