Dario Di Ponzio
No Comments

Coppa d’Africa: Marocco escluso, e ora?

Il Marocco rinuncia alla Coppa d'Africa 2015 e la CAF ora dovrà cercare una soluzione.

Coppa d’Africa: Marocco escluso, e ora?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Il più prevedibile dei finali per la più imprevedibili delle storie. Sembra essere questa la sintesi di quanto successo durante la fase di organizzazione di questa Coppa d’Africa 2015. Infatti il Marocco, paese organizzatore, ha dovuto rivedere la propria posizione in seguito allo scoppio del caos Ebola. Ciò ha portato la CAF, Federazione Africana, a dover escludere il Marocco dalla competizione.

Il Marocco di Benatia è stato escluso dalla Coppa d'Africa

Il Marocco di Benatia è stato escluso dalla Coppa d’Africa

FUTURA ORGANIZZAZIONE – Appreso il rifiuto del Marocco, destinato a altre sanzioni oltre l’esclusione dalla prossima Coppa d’Africa, la patata bollente è tornata nelle mani della CAF, destinata a decidere cosa fare di questa competizione. Due le strade da scegliere in questo caso, la prima che portava al termine della competizione in via anticipata in attesa di una situazione sanitaria più stabile e, l’altra, riguardante un organizzazione in un altro paese. Interessi economici che hanno prevalso e cosi il carrozzone della Coppa d’Africa non arresta e cercherà un nuovo paese ospitante. Nazioni come: Egitto, Sudan, Sud Africa e Ghana, maggiormente pronte da un punto di vista impiantistico e stabili da un punto di vista sanitario hanno già rifiutato, obbligando cosi la CAF a cercare un altra soluzione. Soluzione che al momento rimane misteriosa anche se, la stessa CAF, si è affrettata a confermare che: “Ci sono tante soluzioni al vaglio e il Comitato al più presto prenderà una decisione per luogo e data del sorteggio“.

Dario Di Ponzio

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *