Enrico Cunego
No Comments

Nba, il quintetto della notte: bentornato Rose, Cleveland vola

Alla ricerca del super quintetto della notte, con la coppia James-Irving che fa faville, un grande Rose, un decisivo Leonard e un Hibbert trascinatore

Nba, il quintetto della notte: bentornato Rose, Cleveland vola
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Come ogni giorno, SportCafe24 vi porta alla scoperta del quintetto della nottata Nba. Un “dream team” alla scoperta dei 5 giocatori che più si sono distinti nella gare giocate nella notte. Oggi abbiamo 2 rappresentati dei Cleveland Cavaliers, uno dei San Antonio Spurs, uno dei Chicago Bulls ed uno degli Indiana Pacers. Andiamo a scoprire chi sono.

LeBron James, tripla-doppia contro i Pelicans

LeBron James, tripla-doppia contro i Pelicans

LeBron James (32-10-13) – Splendida tripla doppia per il “Re”, il quale guida ai suoi ad una bella vittoria contro i New Orleans Pelicans, in una gara complicata decisiva dai due ultimi quarti, in cui i “Big Three” azionano il turbo. Per James è una serata esaltante, le sue penetrazioni mandano in crisi la difesa ospite ed oltre al talento ci mette anche il carisma: da vero leader trascina la squadra alla rimonta e alla vittoria che infiamma la Quicken Loans Arena. Da prestazioni come questa deve partire la caccia al titolo.

Kyrie Irving (32-9-5) – Eccolo qui il fido scudiero di LBJ. L’altro idolo di Cleveland si scatena letteralmente nel secondo periodo, mettendo a referto 27 dei suoi 32 punti. 4 triple che consentono ai Cavaliers di prendere il volo, tante giocate e canestri spettacolari ed una perfetta sinergia con James e Kevin Love. La serata appena trascorsa ha fatto vedere come questi Cavs possono essere devastanti in attacco. Ma d’altronde le aspettative erano proprio queste: ora bisogna trovare continuità

Roy Hibbert (29-1-5) – Riprendiamo le parole del rivale odierno Hayward; “Stasera è stato un mostro”. Ed effettivamente il centro dei Pacers è stato estremamente efficace ed autoritario nel secondo successo stagionale di Indiana, che contro gli Utah Jazz torna al successo dopo 6 sconfitte consecutive. Reduce da un problema alla caviglia rimediato contro i Wizards, Hibbert si riprende lo scettro di leader dei Pacers guidandoli verso la rimonta contro dei combattivi Jazz. Aiutato anche da un roster decimato ma che lotta con il coltello tra i denti, il nostro Hibbert ritrova una serata da incorniciare che da troppo tempo mancava

Derrick Rose (24-7-2) – Bentornato D-Rose. L’asso dei Bulls, reduce da 4 partite saltate in maniera precauzionale e soprattutto dopo gli infortuni devastanti che hanno rischiato di comprometterne la carriera, ritorna finalmente protagonista assoluto in una vittoria di Chicago. Contro i Pistons è decisivo nel primo tempo (13 punti, 5 assist) e soprattutto nel finale di gara, quando Detroit rientra improvvisamente e prepotentemente in partita. 2 punti e 2 grandi assist provvidenziali per Butler fanno alla fine gioire la squadra della “Windy City”. Canestri decisivi, giocate spettacolari e assist provvidenziali: speriamo di rivedere tutto ciò molto spesso nella stagione di Derrick Rose

Kawhi Leonard (26-3-10) – Il californiano ha la congiuntivite a l’occhio destro? Nessun problema, ecco che Kawhi Leonard sfodera una prestazione fantastica che permette agli Spurs di conquistare una grande a vittoria in quel di Los Angeles contro i Clippers. Il suo ingresso in campo è decisivo, ed insieme a Parker e Ginobili realizza il parziale di 14-3 che cambia la gara in favore dei texani. Nel finale ruba anche 3 palloni fondamentali per il successo degli ospiti. E poi lui a realizzare gli ultimi 2 tiri liberi che chiudono la contesa. 5/5 ai liberi, 10/18 dal campo e Spurs che ringraziano

Enrico Cunego

 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *