Antonio Scali
No Comments

Inzaghi, El Shaarawy è tornato: sarà lui l’uomo in più del Milan?

El Shaarawy ha ritrovato gol e prestazione nel 2-2 contro la Samp. Conte, presente a Marassi, lo ha convocato per i prossimi impegni della nazionale

Inzaghi, El Shaarawy è tornato: sarà lui l’uomo in più del Milan?
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page
sportcafe24-El Shaarawy nazionale

El Shaarawy con la maglia della Nazionale

622 giorni dopo il Faraone è tornato. El Shaarawy non segnava con la maglia  del Milan dal derby del 24 febbraio 2013, una vita fa. I tanti infortuni ne stanno segnando la carriera, ma a Genova, nel pari per 2-2 contro la Samp, l’attaccante di origine egiziana ha ritrovato la via del gol. Per il Milan di Inzaghi il suo ritorno rappresenta senz’altro una buona notizia: dopo le due vittorie consecutive contro le due metà di Verona, i rossoneri hanno collezionato un magro bottino costituito da soli tre punti in quattro partite. Se l’obiettivo della stagione vuole realisticamente essere il terzo posto che apre le porte della Champions è necessario quindi un cambio di rotta. Per questo il ritorno in campo e al gol di El Shaarawy suona quasi come una benedizione. Dopo un avvio sensazionale lì davanti, Menez sembra improvvisamente calato; si sono visti diversi errori e imprecisioni del francese che è apparso quasi come  la brutta copia del calciatore ammirato nelle prime partite del campionato. Torres, invece, sa già di scommessa persa. L’ex Nino non ha mai dato la sensazione di poter essere un craque per questo Milan, e difficilmente le sue prestazioni potranno dare un grosso contributo alla causa. Fatto salvo Honda, quello che più di tutti sembra aver fatto passi in avanti rispetto alla scorsa stagione, l’altra nota dolente in attacco è rappresentata da Pazzini: l’ex doriano fatica a rinascere dalle ceneri dell’infortunio ed è stato finora poco utilizzato da Inzaghi, tanto che si ipotizza una sua partenza già a gennaio.

Per il Faraone si tratta quindi di una grande occasione da sfruttare. A Marassi si è rivisto a tratti l’El Shaarawy di un tempo, e in effetti la sua prestazione non è sfuggita ad Antonio Conte. Il ct azzurro che era presente allo stadio lo ha convocato per i prossimi impegni della nazionale italiana, dimostrando di aver apprezzato il suo impegno per tornare protagonista nel Milan. Difficile dire se il rossonero riuscirà a tornare quel bomber micidiale capace di realizzare ben 15 gol nel solo girone d’andata della stagione 2012-2013. Di certo ha il talento e la giovinezza per realizzare una grande carriera sia con il Milan che in azzurro. il gol ritrovato a Marassi vuole essere per lui un nuovo punto di partenza.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *