Kevin Brunetti
No Comments

Nba: il quintetto della notte

Torna l'appuntamento giornaliero con il quintetto della notte Nba. Spicca su tutti Steph Curry mentre rientra nuovamente tra i top 5 anche Anthony Davis

Nba: il quintetto della notte
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Ben otto partite giocate durante questa notte Nba, spiccano i primi ko di Memphis e Houston mentre i Golden State Warriors restano imbattuti. L’artefice dell’ennesimo successo degli Warriors ha un nome e un cognome: Stephen Curry. Steph trascina i suoi con 34 punti e una media dal campo portentosa guadagnandosi il primo posto in quintetto. Tornano anche due vecchie conoscenze, Anthony Davis e Dwane Wade. Andiamo a vedere il quintetto al gran completo:

Stephen Curry (34+5+10): Ai Rockets Howard manca come il pane, ma Golden State deve fare i conti con la serata no di Klay Thompson (3/16 al tiro). A prendere per mano la squadra c’è sempre Steph Curry: 34 punti (13/19 al tiro), 5 assist e la bellezza di 10 rimbalzi. Curry domina su entrambi i lati del parquet recuperando anche quattro palloni e approfittando della non brillante fase difensiva di James “Telepass” Harden.

Damian Lillard (25-8-7): Se Portland perde con uno scarto minimo il merito è principalmente suo. Lillard ha tenuto i Blazers in partita lavorando benissimo su tutti i fronti e tirando con un’ottima percentuale. Tutto ciò in una serata non esattamente brillante dei i suoi.

JJ Redick (30-1-4): Agisce nell’ombra dietro ai colossi Griffin e Paul, ma conclude la serata con la bellezza di 30 punti e uno strepitoso 11/13 al tiro. Non sarà una superstar, ma se JJ è in serata può far male a qualsiasi franchigia Nba.

Dwayne Wade (25-8-1): Lo riaccogliamo con grande piacere nella nostra Top 5 giornaliera. Dall’addio di LeBron, Wade e Bosh sembrano essersi presi le loro responsabilità, e partita dopo partita stanno trascinando gli Heat verso la cima della Conference. Well done Dwayne!

Anthony Davis (27-1-11): Eravamo ansiosi di vederlo impegnato contro una squadra rodata, e gli Spurs hanno fatto da cavia. Il colosso di New Orleans non si è certo fatto intimorire da una leggenda come Duncan e ha infilato 27 punti dominando anche a rimbalzo con ben 11 palloni raccolti. Se continua così per tutta la stagione sarà senz’altro in lizza per il titolo di MVP.

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *