Alex Rivolta
No Comments

Eurolega: Milano annega in un pianto greco, il Panathinaikos domina

Fragoroso ko per l'Olimpia Milano, che ad Atene viene annichilita dal Panathinaikos per 90 a 63, e viene spinta sul fondo della classifica nel gruppo C

Eurolega: Milano annega in un pianto greco, il Panathinaikos domina
Decrease Font Size Increase Font Size Text Size Print This Page

Milano vede il verde e non capisca più nulla, dopo la brutta sconfitta di Lunedi ad Avellino arriva un altro ko questa volta in Eurolega ad Atene contro i greci del Panathinaikos che dominano dal primo all’ultimo minuto i campioni d’Italia che si rendono protagonisti di una delle peggiori prestazioni di tutta la gestione Banchi.

LA GARA – I greci partono subito fortissimo trovando con continuità il canestro dall’arco con la difesa milanese che non riesce a trovare le contromisure e visto anche un attacco ad intermittenza trascinato solo dai punti Joe Ragland il distacco già dopo il primo quarto è di doppia cifra (23-13). Rientrati in campo dopo la prima mini interruzione Milano sembra riuscire a trovare il bandolo della matassa grazie soprattutto alla buona difesa di David Moss e con qualche tiro realizzato che la riporta fino al -6. Prima che la macchina si inceppi di nuovo e i greci trascinati dal 9-0 di parziale tutto firmato da Batista tornino a +15 tagliando le gambe a Milano che da li in avanti non riuscirà più a rientrare in partita. Nell’EA7 deludono tutti ma in particolare è inspiegabile il crollo di Alessandro Gentile che chiuderà la partita con un solo tentativo di tiro nei 20 minuti sul parquet di Atene facendo registrare uno zero nel tabellino destinato a fare notizia. Senza consistenza in nessuno dei due lati del campo l’Olimpia affonda definitivamente nella ripresa subendo parziali su parziali che la spingono addirittura al -28 di fine terzo periodo con il Pana che non accenna a mollare il colpo. Nell’ultimo quarto – in garbage time da ormai molti minuti – Milano prova a ritrovare la via del canestro ma la serata è da incubo con percentuali agghiaccianti sia dall’arco (25%) che all’interno dell’area (48%) e ciò porta al 90-63 finale.

TOP DI PANATHINAIKOS-EA7 MILANO:

ESTEBAN BATISTA – Assolutamente dominante nei 19 minuti scarsi in cui ha firmato 15 punti di cui i 9 consecutivi nel secondo quarto hanno messo al tappeto gli avversari.

DIMITRIS DIAMANTIDIS – Il Re della Atene biancoverde si conferma tale con l’ennesima prestazione dominante. Per lui nei 24 minuti giocati6 punti, 7 rimbalzi e soprattutto 8 assist di qualità assoluta.

FLOP DI PANATHINAIKOS-EA7 MILANO:

OLIMPIA MILANO – Buttare la croce su un giocatore in particolare non sarebbe difficile, di prestazioni insufficienti nella serata dell’ Oaka se ne sono viste fin troppe partendo dagli 0 punti di Gentile, passando dal crollo dei lunghi con i 4 punti di Kleiza con 0/4 dall’arco o da un altro 0 sul tabellino firmato da Nicolò Melli, ma la cosa più grave è che nella partita l’unica squadra in campo è stata il Panathinaikos. Perdere ad Atene era preventivabile e accettabile ma non può esserlo se ci si arriva tramite una prestazione imbarazzante, probabilmente una delle peggiori di tutta la gestione Banchi.


LA SITUAZIONE NEL GRUPPO C: Nella giornata di giovedì si erano giocate le prime due gare del girone che hanno visto il successo di misura del Barcellona sul Fenerbache che porta i catalani sulla vetta del gruppo in solitaria. Buone notizie invece dall’altro campo per l’Ea7 visto che a sorpresa la cenerentola Turow – prossima avversaria dell’Olimpia al Forum – ha sconfitto il Bayern Monaco che sulla carta è la squadra con la quale Milano dovrà giocarsi l’ultimo posto utile per l’accesso alle top 16.

LA CLASSIFICA DEL GRUPPO C:

Barcellona 8, Fenerbache 6, Panathinaikos 4, Bayern Monaco 2, Turow 2, Milano 2 

Share Button

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *